Volo Malaysia Airlines 2133

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Volo Malaysia Airlines 2133
Il Fokker 50 9M-MGK, simile a quello del volo 2133
Il Fokker 50 9M-MGK, simile a quello del volo 2133
Tipo di evento Incidente in fase di atterraggio
Data 15 settembre 1995
Ora 12:22 UTC+8
Tipo Errore del pilota
Luogo Aeroporto di Tawau
Stato Malesia Malesia
Coordinate 4°18′36.2″N 118°07′00.7″E / 4.310056°N 118.116861°E4.310056; 118.116861Coordinate: 4°18′36.2″N 118°07′00.7″E / 4.310056°N 118.116861°E4.310056; 118.116861
Tipo di aeromobile Fokker F27 Mark 050
Operatore Malaysia Airlines
Numero di registrazione 9M-MGH
Partenza Aeroporto di Kota Kinabalu
Destinazione Aeroporto di Tawau
Passeggeri 49
Equipaggio 4
Vittime 34
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Malaysia

http://aviation-safety.net/database/record.php?id=19950915-0

voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il volo Malaysia Airlines 2133 era un volo domestico della Malaysia Airlines operato da un Fokker F27 Mark 050 in servizio fra l'aeroporto di Kota Kinabalu e l'aeroporto di Tawau, in Malesia, e precipitato al suolo in fase di atterraggio il 15 settembre 1995, provocando la morte di 32 dei 49 passeggeri e di 2 dei 4 membri dell'equipaggio. È stato, fino all'episodio del volo Malaysia Airlines 370 del marzo 2014, il più grave incidente sofferto dalla compagnia aerea di bandiera malese.[1]

L'aereo[modifica | modifica wikitesto]

L'aeromobile che operava il volo 2133 era un Fokker F27 Mark 050 con marche 9M-MGH e numero di serie 20174; costruito nel gennaio 1990 negli stabilimenti della Fokker presso l'aeroporto di Amsterdam-Schiphol in Olanda fu consegnato alla Malaysia Airlines il 24 marzo 1990.[2][3]

L'incidente[modifica | modifica wikitesto]

Il Fokker era regolarmente decollato da Kota Kinabalu e alle ore 12:55 del 15 settembre 1995 toccò terra soli 500 metri prima della fine della pista n°17 lunga 2 200 metri dell'aeroporto di Tawau. In un tentativo del pilota di rialzarsi in volo, il Fokker perse quota e si schiantò su una baraccopoli nei pressi dell'aeroporto, abbattendo 20 abitazioni e ferendo gravemente una decina di abitanti. Trentaquattro dei presenti a bordo morirono nelle fiamme, mentre i 18 passeggeri superstiti riuscirono ad abbandonare l'aereo attraverso gli scivoli di emergenza. Cinquantatré abitazioni rimasero distrutte dall'incendio lasciando 62 famiglie senza casa.

Il 17 settembre 4 esperti inviti dalla Fokker giunsero per assistere alle indagini prelimiari e le scatole nere furono inviate a Londra per essere analizzate. Il 20 maggio 1998 i risultati delle indagini furono pubblicate con la conclusione che l'incidente doveva essere ascritto alla limitata capacità decisionale del pilota e nella mancata osservanza delle procedure operative standard. Al co-pilota venne imputata la incapacità di avvisare il comandante sulle manovre azzardate che stava compiendo in fase di atterraggio.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Malaysia Airlines in Aviation Safety Network, http://aviation-safety.net. URL consultato il 14 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Aircraft Registration Database Lookup in Airframes.org, http://www.airframes.org. URL consultato il 10 marzo 2014.
  3. ^ (EN) Airframes Profile for: F.27 msn 20174 in ATDB-aero, http://www.atdb.aero. URL consultato il 10 marzo 2014.
  4. ^ (EN) Flight MH2133 Tragedy in Malaysia Flying Herald, http://malaysiaflyingherald.wordpress.com, 10 ottobre 2013. URL consultato l'11 marzo 2014.