Voay robustus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Voay
Voay.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
(clade) Archosauria
Superordine Crocodylomorpha
Ordine Crocodylia
Famiglia Crocodylidae
Genere Voay
Specie V. robustus

Il voay (Voay robustus) è un coccodrillo estinto, vissuto in Madagascar tra il Pleistocene e l'Olocene. Si pensa che questo animale sia scomparso durante l'estinzione che fece scomparire gran parte della megafauna dell'isola (come l'uccello-elefante Aepyornis e il grande lemure Megaladapis), in seguito all'arrivo degli umani, circa 2000 anni fa.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica più peculiare di Voay era costituita da un paio di “corna” prominenti, che si estendevano nella parte posteriore del cranio. Queste strutture erano costituite da espansioni allargate dell'osso squamosale, ed erano presenti anche in altri coccodrilli estinti, come l'affine Aldabrachampsus. Il muso era corto e alto, più profondo di quello del coccodrillo del Nilo, e anche le zampe erano molto più robuste. Gli osteodermi che costituivano la corazza corporea erano dotati di alte carene e percorrevano l'intera lunghezza dell'animale. Si ritiene che Voay robustus possa aver raggiunto la lunghezza di circa 5 metri e un peso di circa 170 chilogrammi. Queste stime suggeriscono che Voay sia stato il più grande predatore del Madagascar in tempi recenti.

Cranio di Voay robustus

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Quando furono scoperti per la prima volta, nel 1872, i resti di Voay vennero assegnati dapprima al genere Crocodylus. Solo in seguito vennero riscontrate notevoli somiglianze con l'attuale coccodrillo nano (Osteolaemus tetraspis), tra cui una particolare conformazione depressa dell'osso pterigoide. Nel 2007, “Crocodylus” robustus venne quindi ridescritto nel nuovo genere Voay. I resti di questa forma si sono conservati sotto forma di subfossili in numerose località malgasce, come Ambolisatra e Antsirabe.

Stile di vita[modifica | modifica sorgente]

Voay fa parte della caratteristica megafauna del Madagascar, scomparsa completamente con l'estinzione dell'uccello elefante (Aepyornis) avvenuta poche centinaia di anni fa. La taglia e il comportamento di Voay dovevano essere molto simili a quelli dell'attuale coccodrillo del Nilo (Crocodylus niloticus); a causa di queste somiglianze, la competizione intraspecifica fra queste due forme deve essere stata elevatissima, nel caso in cui le due specie fossero coesistite. È stato recentemente proposto che il coccodrillo del Nilo abbia colonizzato l'isola di Madagascar, provenendo dall'Africa, solo dopo l'avvenuta estinzione di Voay.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bickelmann, C. and Klein, N. (2009). The late Pleistocene horned crocodile Voay robustus (Grandidier & Vaillant, 1872) from Madagascar in the Museum für Naturkunde Berlin. Fossil Record 21(1):13-21.
  • Brochu, C. A. and Storrs, G. W. (1995). The giant dwarf crocodile: a reappraisal of ‘Crocodylus’ robustus from the Quaternary of Madagascar. In: Patterson, Goodman, and Sedlock, eds., Environmental Change in Madagascar. p. 70.
  • Brochu, C. A. (2005). A New Miniature Horned Crocodile from the Quaternary of Aldabra Atoll, Western Indian Ocean. Copeia 2006(2):149-158.
  • Brochu, C. A. (2007). Morphology, relationships, and biogeographical significance of an extinct horned crocodile (Crocodylia, Crocodylidae) from the Quaternary of Madagascar. Zoological Journal of the Linnean Society 150(4):835-863.
  • Burness, G. P., Diamond, J. and Flannery, T. (2001). Dinosaurs, dragons, and dwarfs: the evolution of maximal body size. Proceedings of the National Academy of Sciences 98:14518-14523.
  • Grandidier, A. and Vaillant, L. (1872). Sur le crocodile fossile d'Amboulintsatre (Madagascar). Comptes Rendus de l'Académie des Sciences Paris 75:150–151.
  • Hill, R. V. and Lucas, S. G. (2006). New data on the anatomy and relationships of the Paleocene crocodylian Akanthosuchus langstoni. Acta Palaeontologica Polonica 51(3):455–464.