Vladimir de Pachmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vladimir de Pachmann.

Vladimir de Pachmann o Pachman, (Odessa, 27 luglio 1848Roma, 6 gennaio 1933) è stato un pianista russo, di ascendenza russo-tedesca ed ebraica, specialmente noto quale interprete di Chopin, e per il suo eccentrico stile esecutivo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Pachmann nacque nell'odierna Ucraina. Studiò musica alla Universität für Musik und darstellende Kunst Wien, con Josef Dachs (allievo di Karl Tausig) pianoforte e con Anton Bruckner teoria musicale. Fece il suo debutto ad Odessa nel 1869, ma fino al 1882 fece rare apparizioni in pubblico, impiegando questo tempo nel proseguimento degli studi. Successivamente, iniziò a girare per l'Europa e poi per gli Stati Uniti, venendo acclamato come una star dei suoi tempi.

Pachmann fu uno dei primi pianisti a registrare sue composizioni, iniziando nel 1906 registrazioni per la Welte-Mignon e nel 1907 dischi per il gramophone.

Fua anche famoso per il suo modo, plateale, di gesticolare durante le esecuzioni, attirando su di se l'interesse dell'uditorio. La Encyclopædia Britannica Eleventh Edition dice, circa il suo modo di suonare: "la festosità dei suoi gesti", mentre il critico James Huneker lo soprannominò "Chopinzee", e George Bernard Shaw disse che egli "dava la ben nota sua pantomima, con accompagnamento di Fryderyk Chopin."

Morì a Roma nel 1933.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mark Mitchell, Vladimir de Pachmann: A Piano Virtuoso's Life and Art (Indiana University Press, 2002) ISBN 0-253-34169-8.
  • Francesco Pallotelli: Vladimiro de Pachmann. Rom: Novissima, 1916

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Registrazioni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71580524 LCCN: n85023041