Interesse Fiammingo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vlaams Belang)
Interesse Fiammingo
(NL) Vlaams Belang
VBLogo001.jpg
Leader Bruno Valkeniers
Stato Belgio Belgio
Fondazione 14 novembre 2004
Sede Madouplein 8 bus 9,
Bruxelles
Ideologia Indipendentismo fiammingo,[1]
Nazionalismo,[1]
Populismo di destra,[2]
Conservatorismo nazionale
Collocazione Estrema destra[1]
Gruppo parlamentare europeo Non Iscritti
Seggi Camera
3 / 150
Seggi Senato
4 / 71
Seggi Europarlamento
1 / 22
Organizzazione giovanile Vlaams Belang Jongeren
Colori giallo e nero
Sito web vlaamsbelang.org

Interesse Fiammingo (in fiammingo: Vlaams Belang) è un partito politico della Comunità fiamminga del Belgio, di destra sociale e identitaria, che rivendica l'indipendenza delle Fiandre e una stretta regolamentazione dell'immigrazione.[1]

È stato fondato nel novembre 2004 come diretto successore del Blocco Fiammingo (Vlaams Blok), che aveva decretato il suo autoscioglimento a seguito di una condanna, da parte della Corte di cassazione del Belgio, per violazione della legge belga del 1981 sul razzismo e la xenofobia.

Il Vlaams Belang è considerato dagli osservatori politici un partito di estrema destra, speculare al Fronte Nazionale belga, che, dalle stesse posizioni, avoca a sé la tutela e la rappresentanza della comunità fiamminga.[1][3][4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Vlaams Blok fu fondato nel 1978 da alcuni dissidenti dell'Unione Popolare ed alcuni esponenti del Movimento fiammingo. Negli anni, il partito vide crescere costantemente il proprio consenso: alle elezioni del 1981 il Vlaams Blok ottenne l'1,1% dei voti ed 1 seggio, nel 1985 l'1,6% e nel 1987 l'1,9% (2 seggi). Nel 1991 e nel 1995, il Vlaams Blok ottenne rispettivamente il 6,6% ed il 7,8%, riuscendo ad eleggere 11 e 12 deputati. Nel 1999, sfiorò il 10% dei voti ed elesse 15 deputati, un dato ulteriormente migliorato nel 2003 (11,6% e 18 seggi). Lo stesso trend fu evidenziato anche dalle elezioni regionali: nella Regione di Bruxelles-Capitale il partito fiammingo passo dal 2,1% del 1989 al 4,7% del 2003, e nelle Fiandre dal 12,3% del 1995 al 24,2% del 2004.

Contemporaneamente alla sua affermazione, gli altri partiti fiamminghi, ritenendo la politica del Vlaams Blok incompatibile con i valori democratici, crearono nel corso degli anni 1990 il cosiddetto "cordone sanitario" impegnandosi pubblicamente a rifiutare qualsiasi apparentamento elettorale e alleanza parlamentare con questo partito. Sulle stesse posizioni, anche il re del Belgio prese la decisione di non convocare i rappresentanti del Vlaams Blok alle consultazioni per la formazione del governo.

Nel 2002, in una intervista alla televisione di stato olandese, il vicepresidente del partito, Roeland Raes espresse delle posizioni negazioniste sull'Olocausto che suscitarono un'eco mediatica tale da forzare il politico alle dimissioni.[6]

Nell'aprile 2004, la corte di appello di Gand decretò che il Vlaams Blok violava la legge belga del 1981 sul razzismo e la xenofobia per i continui richiami alla segregazione razziale e alla discriminazione degli immigrati. Con una sentenza confermata in cassazione il 9 novembre dello stesso anno, il partito fiammingo veniva sanzionato con una multa di 40 000 euro e obbligato ad espungere dal proprio programma politico ogni elemento di razzismo. A seguito della condanna, il partito decise l'autoscioglimento e la fondazione di un nuovo soggetto politico, il Vlaams Belang.

Nelle elezioni legislative del 2007, il nuovo partito ha ottenuto il 21% delle preferenze nelle Fiandre, pari 11,99% a livello nazionale, con un incremento dello 0,3%. Nonostante l'incremento in termini percentuali, i nazionalisti fiamminghi passano da 18 a 17 seggi. L'attuale leader del partito è Bruno Valkeniers. Alla europee del 2009 il partito perde consensi attestandosi al 9,86% ed eleggendo 2 eurodeputati che si collocano nel gruppo dei Non Iscritti. Alle elezioni politiche del 2010 i nazionalisti perdono ancora consensi fermandosi al 7,76% ed eleggendo 12 deputati. In vista delle europee del 2014 Interesse Fiammingo stringe un'alleanza, guidata da Marine Le Pen, con altri movimenti euroscettici. VB ottiene solo il 4,26% e un seggio. Alle contemporanee elezioni politiche VB raccoglie solo 3,67% ed ottiene 3 seggi.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Vlaams Belang persegue una politica etnonazionalista e conservatrice volta principalmente all'ottenimento dell'indipendenza delle regione delle Fiandre (penalizzate, secondo il partito, dagli ingiustificati trasferimenti fiscali verso Bruxelles e la Vallonia[7]) e alla sua federazione con i Paesi Bassi. Terminata la parentesi nel gruppo di estrema destra Identità, Tradizione, Sovranità, al 2010 il partito fiammingo non è iscritto ad alcun gruppo del parlamento europeo e la sua politica, nell'ambito dell'Unione Europea, è marcatamente regionalista e critica verso l'Unione.

Dal punto di vista economico, la politica del Vlaams Belang è liberista e improntata alla riduzione dell'intervento statale sull'economia e a un ridimensionamento del ruolo dei sindacati. In campo amministrativo, il partito si batte per l'abolizione degli incentivi amministrativi ed educativi (facilités/faciliteiten) per i francofoni che vivono nelle sei municipalità attorno a Bruxelles, dove i parlanti il francese sono la maggioranza. Altri punti del programma politico sono l'eliminazione del diritto di voto nelle elezioni comunali agli immigrati che non abbiamo chiesto la naturalizzazione, il veto all'ingresso della Turchia nell'Unione Europea come contrasto ad una paventata islamizzazione del continente, l'estensione della legittima difesa al proprio domicilio e alle proprietà, l'antiabortismo, il rifiuto delle unioni omosessuali e una politica di incentivi alla natalità.

Le posizioni del Vlaams Belang lo collocano quindi tra i partiti rappresentanti il populismo di destra.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Parties and elections - Belgium. URL consultato il 5 giugno 2012.
  2. ^ a b Betz, p. 19
  3. ^ Poll gain for Belgium's far right, BBC, 9 ottobre 2006. URL consultato il 14 ottobre 2006.
  4. ^ Far-right party suffers rebuff in Antwerp, The Washington Times, 10 ottobre 2006. URL consultato il 14 ottobre 2006.
  5. ^ Philippe Siuberski, Far-right makes strong showing in Belgian local elections, Agence France-Presse, 8 ottobre 2006. URL consultato il 14 ottobre 2006.
  6. ^ Far-right Belgian banned from UK visit, The Guardian, 2 settembre 2003.
  7. ^ The gap between Flanders and Wallonia widens, Expatriate Online, 20 May 2005

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]