Vivianna Bülow-Hübe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vivianna Bülow-Hübe (Malmö, 4 dicembre 1927Copenaghen, 3 luglio 2004) è stata una designer svedese.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

La sua formazione si sviluppa tra il 1945 e il 1950, tra la Scuola di Arte, Mestieri e Design e l’Istituto reale di Tecnologia, a Stoccolma.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Con il suo studio di argentiere ha progettato gioielli per la Orrefors. Dopo essersi trasferita nel 1956 a Parigi, aprì un laboratorio a Biot[1]. Nel 1968 si sposta in Germania fondando un suo studio a Wolfsburg progettando ceramiche per la Hutschenreuther e prodotti in vetro per Löhnberg. Nel 1978 si sposta ancora, questa volta a Giacarta lavorando per una fondazione sociale ma mantenendo sino ad oggi i contatti con la Georg Jensen.

Contributo e opere[modifica | modifica wikitesto]

La designer è stata la prima donna ad aprire un proprio studio di argentiere. Nel 1958 Pablo Picasso, che l’aveva conosciuta mentre lei raccoglieva sassi per gioielli in una sua passeggiata sulla spiaggia, organizzò una sua personale ad Antibes[1]. Tra i suoi progetti migliori ci sono gli orologi e gioielli realizzati per Georg Jensen in oro, argento e acciaio.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1954 vinse una medaglia d'argento alla X Triennale di Milano. Nel 1958 ottenne una medaglia d'oro alla XII Triennale di Milano, oltre al premio Lunning.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Charlotte Fiell, 2002, op. cit., p. 124

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 20485315 LCCN: n94081754