Vittorio Zoppi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Vittorio Zoppi
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Vittorio Zoppi
Luogo nascita Cassine
Data nascita 25 dicembre 1819
Luogo morte Alessandria
Data morte 23 novembre 1907
Legislatura XI
Data 15 novembre 1871

Vittorio Zoppi (Cassine, 25 dicembre 1819Alessandria, 23 novembre 1907) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in giurisprudenza all'Università di Torino, Vittorio Zoppi intraprese la carriera prefettizia. Dopo la proclamazione dello Stato unitario, fu prefetto di Salerno (1861-62), Messina (1862-65), Brescia (1865-67) e per due volte a Torino (1867 e 1871-76), sino al pensionamento (1867) . Il 15 novembre 1871 fu nominato Senatore del Regno da Vittorio Emanuele II[1].

Ha intrapreso la carriera politica anche a livello locale, essendo stato consigliere comunale (1877-85), provinciale (1879-82) e assessore facente funzioni (1879-83) di Alessandria[1]. Suo figlio Ottavio, generale di corpo d'armata, è stato parimenti Senatore del Regno (1933-46), mentre l'omonimo nipote Vittorio intraprese la carriera diplomatica e fu Segretario generale del Ministero degli Affari Esteri (1948-54) della Repubblica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vedi: Vittorio Zoppi, scheda sito istituzionale del Senato [1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro