Vittoria Caldoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Studio su Vittoria Caldoni, di Julius Schnorr von Carolsfeld, 1822

Vittoria Caldoni (Albano Laziale, 1805 – dopo il 1872) è stata una modella italiana.

Vittoria figlia di un vignaiolo di Albano, intorno ai quindici anni venne scoperta per la sua bellezza. Vittoria Caldoni era nota in tutta Europa, ha posato per i più noti pittori degli anni ’20 e ’30 dell’Ottocento incarnando l’ideale della bellezza popolare italica. Fu ritratta da famosi artisti che soggiornarono a Roma al tempo del Grand Tour, come Horace Vernet, Friedrich Overbeck, August Heinrich Riedel, Franz Ludwig Catel, Heinrich Maria von Hess, Julius Schnorr von Carolsfeld. Fece da modella anche a scultori del calibro di Bertel Thorvaldsen, Johann Gottfried Schadow e Pietro Tenerani. La Caldoni fu protagonista di una cinquantina di opere, tra disegni, quadri e sculture. Anche il poeta Goethe possedeva a Weimar un ritratto di Vittoria.

Sposò nel 1839 il pittore russo Grigorij Lapcenko ,che l’aveva ritratta nel 1831 , e lo seguì per il resto della sua vita nei suoi spostamenti nell'allora impero russo. In Russia era chiamata Viktoria Antonovna .

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rita Giuliani , Vittoria Caldoni Lapčenko , la "fanciulla di Albano" nell'arte, nell'estetica e nella letteratura russa , Roma 1995
  • Ulrike Koeltz , Vittoria Caldoni , Modell und Identifikationsfigur des 19. Jahrhunderts., Francoforte sul Meno 2010