Vittoria Aleotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vittoria Aleotti (Ferrara, 1575 circa – dopo il 1620) è stata una compositrice, clavicembalista e monaca italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia dell'architetto ferrarese Giovan Battista Aleotti iniziò ancora bambina lo studio della musica, dopo aver ascoltato le lezioni che riceveva una sorella più grande. Maestri furono l'anziano Alessandro Milleville e successivamente Ercole Pasquini. Dopo almeno due anni di istruzione, il maestro raccomandò al padre di farle proseguire gli studi musicali presso il convento ferrarese di S. Vito, rinomato per l'eccellenza della musica. Vittoria entrò in convento all'età di 14 anni, e il padre ottenne per lei da Battista Guarini alcuni madrigali da porre in musica, che più tardi donò al conte del Zaffo; il conte li fece stampare a Venezia nel 1593 dall'editore Giacomo Vincenti con il titolo Ghirlanda de madrigali a quatro voci[1] e furono dedicate a Ippolito Bentivoglio. Oltre all'edizione veneziana, uscì a nome di Vittoria anche un madrigale a cinque voci (Di pallide viole), stampato in Giardino de musici ferraresi del 1591, una raccolta di musiche di vari autori tra cui anche Alessandro Milleville ed Ercole Pasquini. Alcuni studiosi hanno avanzato l'ipotesi che Raffaella Aleotti, ritenuta la sorella maggiore, sia stata in realtà la stessa persona (che avrebbe mutato nome al momento di prendere gli ordini), poiché né nel convento di S. Vito, né altrove, esistono documenti relativi a Vittoria, mentre Raffaella fu badessa del convento ed ebbe notevole fama come organista e «intendentissima della musica»[2]. Anche il testamento del padre, redatto nel 1631, nomina Raffaella e non Vittoria, tuttavia non esistono prove definitive a confermare questa supposizione. La dedicatoria del padre Giovan Battista Aleotti, afferma che delle sue cinque figlie, la maggiore era incline alla vita religiosa e studiò musica, e che Vittoria imparò dalle lezioni impartite alla prima. Purtroppo Battista non dice il nome della figlia più grande, ma le sue parole sono la fonte più autorevole, anche se non chiara, a sostegno della tesi di due sorelle distinte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Trascrizione e facsimile della dedicatoria, esplicativa di alcuni tratti della biografia di Vittoria Aleotti, dal Catalogo online della Biblioteca del Liceo Musicale di Bologna.
  2. ^ Marco Antonio Guarini, Compendio Historico, Vittorio Baldini, Ferrara, 1621, p. 376.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 69230163 LCCN: n95079471