Vito D'Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vito D'Amato
Vito D'Amato.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 174 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Carriera
Giovanili
Lazio Lazio
Squadre di club1
1963-1967 Lazio Lazio 79 (13)
1967-1968 Inter Inter 13 (1)
1968-1969 Roma Roma 19 (2)
1969 Cesena Cesena 3 (1)
1969-1971 Verona Verona 19 (2)
1971-1973 Catania Catania 37 (5)
1973-1974 Frosinone Frosinone 0 (0)
Nazionale
1966 Italia Italia B 1 (0)
Carriera da allenatore
1997-1998 Lazio Lazio
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vito D'Amato (Gallipoli, 27 luglio 1944) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione della Lazio del 1966-67, Vito D'Amato è il terzo in basso da sinistra.

Arriva a Roma da bambino al seguito del padre che opera come portiere in uno stabile nella zona di Porta Metronia.

Cresce calcisticamente nella Lazio, facendo tutta la trafila settore giovanile biancocelesti. L'allora allenatore Umberto Mannocci gli concede fiducia e lo lancia in prima squadra: debutta in Serie A, a vent'anni, il 20 dicembre 1964 allo stadio Marassi di Genova, in occasione dell'incontro Sampdoria-Lazio (0-0). Nel corso della stessa stagione 1964-1965 riesce a disputare 16 partite realizzando anche 3 gol.

Le due stagioni successive lo vedono titolare con un totale di 63 presenze ed un bottino di 10 gol. Uno dei momenti di massima gloria di Vito D'Amato è legato all'incontro del 10 ottobre 1965, quando con un suo gol la Lazio supera per 1-0 i cugini della Roma in un derby che vede i giallorossi come squadra ospitante.

Il 18 dicembre 1966 è ancora con un suo gol che i biancocelesti, allenati nella circostanza da Maino Neri, riescono a superare all'Olimpico, sempre per 1-0, la grande Inter del Mago Helenio Herrera.

La retrocessione della Lazio maturata al termine della stagione 1966-1967 spingono però il presidente Lenzini a cedere il gioiello biancoceleste proprio all'Inter. Gioca un anno con i nerazzurri con 13 presenze ed una rete, poi ritorna nella capitale, non con la Lazio, ma con la maglia della Roma, dove colleziona 19 presenze e due gol, entrambi nella vittoria esterna contro il Palermo), e vincendo il suo unico trofeo della carriera, la Coppa Italia 1968-1969

A venticinque anni va al Cesena in Serie B, poi a novembre al Verona dove rimane due stagioni prima di chiudere con il grande calcio con il Frosinone.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 marzo 1966 viene schierato in Nazionale B ad Esch-sur-Alzette contro il Lussemburgo, in quella che rimane la sua unica esperienza azzurra.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha intrapreso anche la carriera di allenatore, guidando la Lazio Calcio femminile.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Ha complessivamente totalizzato in carriera 144 presenze e 17 reti in Serie A e 40 presenze e 6 reti in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 1968-1969

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]