Vito Bonventre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vito Bonventre (Castellammare del Golfo, 1875New York, 15 luglio 1930) è stato un criminale statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vito Bonventre, cugino di secondo grado di Joseph Bonanno, divenne un contrabbandiere di successo a New York negli anni del proibizionismo; aiutò Bonanno e il clan Magaddino nell'eliminazione della famiglia Buccellato, loro rivale.[1] Successivamente rese i propri servizi di gangster alla famiglia mafiosa di Salvatore Maranzano durante la guerra castellammarese divenendo presto un target della fazione avversaria.

Bonventre viene ucciso dai sicari di Joe Masseria fuori dal proprio garage il 15 luglio del 1930.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vito Bonventre

Boss della famiglia Bonanno[modifica | modifica wikitesto]



Giuseppe Bonanno
189? - 1908

Salvatore Bonanno
1908 - 1911

Vito Bonventre
1921 - 1930

Nicola Schirò
1921 - 1930

Salvatore Maranzano
1930 - 1931

Joseph Bonanno
1931 - 1965

Gaspar DiGregorio
1965 - 1966

Paul Sciacca
1966 - 1971

Natale Evola
1971 - 1973

Philip Rastelli
1973 - 1991

Joseph Massino
1991 - 2004

Vincent Basciano
2004 - 2009

Vincent Badalamenti
2010 - 2012

Michael Mancuso
2013 - attualmente


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Origin of Organized Crime in America: The New York City Mafia, 1891-1931, Volume 1 di Routledge advances in American history, di David Critchley, Taylor & Francis, 2008, ISBN 0415990300, 9780415990301