Vitim (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vitim
Vitim
Stato Russia Russia
Lunghezza 1 837 km
Portata media 2 200 m³/s[1][2]
Bacino idrografico 225000 km²
Nasce Monti Ikatskij
Sfocia fiume Lena
Mappa del fiume

Il Vitim è un fiume della Russia siberiana orientale, affluente di destra della Lena.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Nasce dalla piccola catena montuosa dei monti Ikatskij, situati ad oriente del lago Bajkal in una zona compresa fra i monti Stanovoj e i monti Jablonovyj, nella Repubblica Autonoma della Buriazia; si forma in seguito alla confluenza dei due rami sorgentiferi Vitimkan e Čina.

Scorre dapprima in direzione nordest seguendo il margine orientale dell'altopiano omonimo, successivamente compie un'ampia curva dirigendosi in direzione mediamente settentrionale ricevendo l'importante affluente Cipa. Prosegue quindi il suo corso in direzione nordovest, toccando Bodajbo, il maggior centro urbano bagnato dal fiume, e confluendo, dopo 1.837 km di corso (quasi 2.000 considerando come inizio le sorgenti del Vitimkan), nella Lena, presso l'abitato di Vitim, sul confine fra la Repubblica Autonoma della Sacha e l'Oblast' di Irkutsk. I maggiori affluenti del Vitim sono Konda, Karenga, Kalakan, Kalar, Bodajbo dalla destra idrografica, Cipa, Muja, Mamakan, Mama dalla sinistra.

Bacino idrografico[modifica | modifica sorgente]

Il Vitim è navigabile da Bodajbo fino alla foce, per complessivi 300 km circa; come tutti i fiumi siberiani, è bloccato dai ghiacci per sei-sette mesi l'anno. Nel suo bacino si rinvengono importanti giacimenti auriferi.

Nel bacino del fiume Vitim, il 25 settembre 2002, si osservò la caduta di un misterioso oggetto celeste (forse il nucleo di una cometa) in un evento analogo, tranne che nelle dimensioni, al disastroso evento della Tunguska del 1908.[3]

Portate medie mensili[modifica | modifica sorgente]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : Bodajbo (1936 - 1990)

Fonte : Vitim at Bodaibo, ROSHYDROMET, Russia

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ alla foce
  2. ^ a Bodajbo 1530
  3. ^ http://abob.libs.uga.edu/bobk/ccc/cc060703.html

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]