Vitellaria paradoxa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Karité
Shea nuts on tree in Sudan.jpg
Vitellaria paradoxa
Stato di conservazione
Status iucn2.3 VU it.svg
Vulnerabile
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Ebenales
Famiglia Sapotaceae
Genere Vitellaria
Specie V. paradoxa
Classificazione APG
Ordine Ericales
Famiglia Sapotaceae
Nomenclatura binomiale
Vitellaria paradoxa
Sinonimi

Butyrospermum parkii

Il karité (Vitellaria paradoxa, sin. Butyrospermum parkii) è una pianta della famiglia delle Sapotaceae, diffusa in Africa.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

" 13 - ITALY - Vitellaria paradoxa - ABDI Flowertales.it - Butyrospermum parkii - Botanical illustrations.jpg

È alta tra i 10 e i 15 metri, con un tronco che può raggiungere un metro di diametro. La corteccia è molto spessa per proteggersi dalle alte temperature presenti nella savana. La pianta è dotata di rami tozzi, muniti i medesimi di una robusta corteccia. Le foglie, che crescono a ciuffi su questi, sono di forma allungata e sono munite di un picciolo lungo mediamente dai 5 ai 15 cm; in giovinezza sono di un colore rosso tendente al ruggine, sviluppandosi acquisiscono un colorito tendente al verde scuro e possono aumentare le loro dimensioni di lunghezza e larghezza rispettivamente dai 15 ai 25 cm e dai 4 ai 7 cm. La pianta fiorisce in un periodo che si estende da dicembre a marzo, i fiori sono di colore verde con sfumature di giallo e di gradevole profumazione.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

In verde l'area dell'Africa dove si è diffusa la Vitellaria paradoxa

È una specie nativa dell'Africa, diffusa in Benin, Burkina Faso, Camerun, Ciad, Repubblica del Congo e Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Etiopia, Ghana, Guinea, Mali, Niger, Nigeria, Senegal, Sudan, Togo e Uganda.

È stata introdotta in Honduras dove è comunemente conosciuta come tango.

È considerata vulnerabile da IUCN [1] perché gli esemplari selvatici sono eccessivamente sfruttati per finalità economiche.


Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Vitellaria paradoxa è l'unica specie accettata da alcuni autori nel genere Vitellaria (p.es. Catalogue of Life 3 genn.2011 [2]); le altre specie attribuite al genere vengono spostate per lo più nel genere affine Pouteria.

Il genere Vitellaria fu istituito da Carl Friedrich von Gaertner nel 1807. Successivamente, alcuni autori hanno proposto il genere Butyrospermum (Kotschy, 1865), che viene però accettato da pochi autori e considerato dagli altri un sinonimo posteriore.

Il genere Vitellaria è incluso nella famiglia delle Sapotacee.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Semi essiccati

Dai suoi semi, impropriamente chiamati noci di karité, si ricava il burro di karité, che può essere di colore lievemente giallo o verde, dall'odore gradevole e leggermente dolce; per le sue caratteristiche viene utilizzato in molti prodotti cosmetici o come condimento.
In antichità, nel regno del mali, l'olio di karité era usato, mischiato con una terra della zona, per rivestire i muri, come fosse calce.( ibn battuta, i viaggi, p. 754. Il burro di karité ha proprietà cutanee nutritive, emollienti, elasticizzanti, protettive solari ed è un ottimo coadiuvante nell'attività antirughe.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Makerere University Institute of Environment and Natural Resources 1998, Vitellaria paradoxa in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Catalogue of Life

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • JB Hall. Vitellaria paradoxa: a monograph. School of Agricultural and Forest Sciences, University of Wales, 1996

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica