Vital' Kutuzaŭ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vitali Kutuzaŭ)
Vital' Kutuzaŭ
Dati biografici
Nazionalità Bielorussia Bielorussia
Altezza 183 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 2012
Carriera
Giovanili
1995-1996
1996-1997
Flag of None.svg FC MPKC
Flag of None.svg RUOR Minsk
Squadre di club1
1997-2001 BATE BATE 99 (55)
2001-2002 Milan Milan 2 (0)
2002-2003 Sporting CP Sporting CP 24 (3)
2003-2004 Avellino Avellino 42 (15)
2004-2006 Sampdoria Sampdoria 62 (7)
2006-2007 Parma Parma 9 (0)
2007-2008 Pisa Pisa 37 (10)
2008-2009 Parma Parma 11 (0)
2009-2012 Bari Bari 51 (7)
Nazionale
2002-2011 Bielorussia Bielorussia 52 (13)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Flag of None.svg HC Diavoli Rossoneri
Carriera
Squadre di club
2013- Flag of None.svg HC Diavoli Rossoneri
Statistiche aggiornate al 27 aprile 2014

Vital' Kutuzaŭ (in bielorusso: Віталь Кутузаў?, traslitterazione anglosassone: Vitali Kutuzov; Pinsk, 20 marzo 1980) è un ex calciatore e hockeista su ghiaccio bielorusso, ex attaccante e portiere dell'Hockey Club Diavoli Rossoneri Sesto San Giovanni.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Sin da giovanissimo è titolare nella terza divisione bielorussa con MPKC 96 prima e RUOR Minsk poi. Nel 1997 approda al BATE, squadra della massima divisione nazionale con cui colleziona 99 presenze e 55 gol tra il 1997 e il 2001. In occasione della partita BATE-Milan valida per la Coppa UEFA 2001-2002 viene notato dal club rossonero, che lo acquista. Con la maglia rossonera, però, disputa soltanto 2 partite a causa della grande concorrenza in attacco.

Nel 2002 viene mandato in prestito allo Sporting Lisbona (prima divisione portoghese), con cui mette a segno 3 gol in 24 apparizioni. Tornato in Italia, nel 2003 viene ceduto ancora in prestito, questa volta in Serie B, all'Avellino, allenato da Zdeněk Zeman. Nonostante la retrocessione della squadra irpina in Serie C1, gioca bene nel campionato cadetto 2003-04 e realizza 15 reti in 42 gare.

Grazie alle brillanti prestazioni nell'Avellino si guadagna l'attenzione delle squadre di Serie A[1]. Nel 2004-05 passa in comproprietà alla Sampdoria dove, pur giocando poco, si fa apprezzare per le sue qualità di jolly offensivo che sa agire sia da prima o da seconda punta e anche come ala. Alla fine della prima stagione a Genova totalizza 33 presenze e 4 gol, cui si aggiungono le 34 presenze e i 3 gol della stagione seguente.

Il 20 giugno 2006 si trasferisce al Parma, in cambio dell'acquisto a titolo definitivo di Emiliano Bonazzoli da parte dei blucerchiati. Con la squadra emiliana scende in campo solo 9 volte ed anche per questo perde il peso forma.

Per rilanciarsi, nell'estate del 2007 firma per il Pisa, in Serie B, dove segna 10 reti (realizzando la sua seconda migliore prestazione da quando è in Italia) prima di subire un grave infortunio nella gara contro il Chievo Verona del 26 aprile, che gli fa finire anzitempo la stagione regolare.

Il 25 giugno 2008 non viene riscattato da parte del Pisa, a seguito di alcuni problemi relativi al passaggio di proprietà della società toscana, pertanto torna al Parma. In terra emiliana però Kutuzov non troverà abbastanza spazio, così il 20 gennaio 2009 si trasferisce al Bari con la formula della compartecipazione[2]; segna il suo primo gol in maglia barese l'8 marzo 2009 nella partita in trasferta contro il Sassuolo. Ne segna altri 4 e il 4 giugno 2009 viene riscattato dal Bari nella quale militerà ancora per un anno.

Il 23 agosto 2009 fa il suo ritorno in Serie A con il Bari al Meazza contro l'Inter, realizzando il gol del pareggio. Dopo poche giornate si infortuna in modo grave al tendine della caviglia destra ed è costretto a saltare praticamente tutta le restanti gare. Torna a disposizione di mister Ventura per la stagione successiva. Tuttavia anche nella stagione 2010-2011, complice della retrocessione in Serie B, trova poco spazio a causa di ripetuti infortuni. L'anno dopo viene messo fuori rosa. A gennaio 2012 è reintegrato in prima squadra e torna in campo con il Bari nella vittoriosa trasferta per 2-1 a Livorno, il 18 febbraio. A fine torneo - però - la società non gli rinnova il contratto ed il calciatore rimane svincolato.

Ha finora totalizzato 99 presenze e 9 reti in Serie A e 125 presenze e 30 reti in Serie B.

Dopo la squalifica nell'inchiesta calcioscommesse viene ingaggiato come portiere dall'Hockey Club Diavoli Rossoneri, intraprendendo una carriera nell'hockey su ghiaccio.

Calcioscommesse[modifica | modifica sorgente]

Il 16 giugno 2013, il calciatore bielorusso viene deferito per illecito sportivo dalla Procura Federale FIGC riguardo al filone Bari-bis sul calcioscommesse che lo vede coinvolto in alcune partite truccate.

Il 16 luglio 2013, il calciatore viene condannato in primo grado dalla Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC a 3 anni e 6 mesi di squalifica, pena confermata, poi, anche in appello.[3][4]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Bari: 2008-2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kutuzov retrocesso e premiato, gazzetta.it, 05/06/2004.
  2. ^ Vitali Kutuzov al Bari in www.asbari.it, 20 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  3. ^ Calcioscommesse, Gillet squalificato 3 anni e 7 mesi. Sanzioni per venti giocatori - La Gazzetta dello Sport
  4. ^ Calcioscommesse, processo Bari-bis: confermata la pena per Gillet - La Gazzetta dello Sport

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]