Vita sul Mississippi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Al vero pilota non importa di niente al mondo se non del fiume, e l'orgoglio con cui si dedica alla sua occupazione supera l'orgoglio dei re.[1] »
(Vita sul Mississippi, cap.3)
Vita sul Mississippi
Titolo originale Life on the Mississippi
Life on the Mississippi.jpg
Copertina dell'edizione originale
Autore Mark Twain
1ª ed. originale 1883
Genere autobiografia
Lingua originale inglese

Vita sul Mississippi[2] (Life on the Mississippi, 1883), è un'opera autobiorafica di Mark Twain, in cui egli ricorda le sue esperienze di navigazione sul fiume Mississippi. Il libro fu pubblicato contemporaneamente negli Stati Uniti e in Inghilterra. Viene talvolta citato come il primo libro scritto con una macchina per scrivere.

Sinossi[modifica | modifica sorgente]

Il libro si apre con una breve storia del fiume a partire dalla sua scoperta da parte di Hernando de Soto, nel 1541. Segue una prima metà del volume in cui Twain racconta la sua gioventù come aiuto pilota di battelli a vapore prima della guerra civile. In particolare, Twain si sofferma a lungo sulla complessa arte ("scienza") della navigazione su un fiume dal corso mutevole e imprevedibile come il Mississippi.

Nella seconda metà, Twain racconta del suo ritorno al Mississippi molti anni dopo, in una crociera su battello da St. Louis a New Orleans. In particolare, molti paragrafi sono dedicati alle profonde trasformazioni subite dalla valle del Mississippi dai tempi della sua infanzia, come l'avvento della ferrovia (e il declino della navigazione a vapore), e la nascita delle grandi città.

Tutta l'opera è ricca di aneddoti (in alcuni casi veri e propri racconti) e digressioni sugli argomenti più vari (dalla critica della pratica dell'inumazione alla denuncia dell'influenza nefasta di Walter Scott sulla cultura del sud degli Stati Uniti).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Your true pilot cares nothing about anything on earth but the river, and his pride in his occupation surpasses the pride of kings
  2. ^ Pubblicato in traduzione italiana da Mattioli Editore, collana Ad fluxum aquae, nel 2005. ISBN 88-89397-08-x

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]