Visions of Eden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Visions of Eden
Artista Virgin Steele
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 settembre 2006
Durata 79 min : 57 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Epic metal
Etichetta Sanctuary Records
Produttore David DeFeis
Registrazione The Hammer of Zeus Studio, NY
Virgin Steele - cronologia
Album precedente
(2000)

Visions of Eden (sottotitolo The Lilith Project - A Barbaric Romantic Movie of the Mind) è l'undicesimo album dei Virgin Steele.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è un concept liberamente ispirato alla mitologia ebraica/cristiana e sumera delle origini. La storia trattata ripercorre le vicende di Lilith, la prima moglie di Adamo, ed affronta il periodo storico che vide la fine del matriarcato in favore del patriarcato.

Come dichiarato da David DeFeis: "Non è un disco sulla pace e sulla felicità bensì, all’opposto, di tormento e dolore. Il tema principale è quello dell’eliminazione del paganesimo e dello gnosticismo, e dello sradicamento di qualsiasi principio femminile di tipo divino. La divinità femminile è stata infatti surclassata dal principio maschile di divinità, incarnato dal concetto del “Dio-padre”, e questo ha coinciso più o meno con la nascita delle varie religioni organizzate".[1]

DeFeis ha, inoltre, indicato che, le canzoni, sono strutturate in modo tale da permettere all'ascoltatore di immergersi completamente nell'atmosfera dell'album e, tramite la propria immaginazione, di porsi nella posizione adeguata per visualizzare agevolmente gli accadimenti trattati uno dopo l'altro.[2]

Quanto narrato verrà ripreso, e portato alla conclusione, sul successivo The Black Light Bacchanalia del 2010.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« What it really is, is the soundtrack for a major motion picture that has yet to be made! And by the hammer of Zeus, I will make this film one day. I call this work a Barbaric Romantic movie of the mind.[3] »

(IT)

« In realtà, si tratta della colonna sonora per un film che deve essere ancora realizzato! E per il martello di Zeus, un giorno farò questo film. Lo chiamo il barbarico-romantico film della mente. »

(David DeFeis)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

In co-produzione con la compagnia teatrale tedesca Landestheater Schwaben[4] l'album è stato adattato in forma di musical e proposto teatralmente, in Germania, col titolo "Lilith".[5]

Uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è stato pubblicato l'8 Settembre 2006 tramite etichetta discografica Sanctuary Records e (se si esclude la raccolta di materiale inedito The Book of Burning del 2002) segue, a sei anni di distanza, il precedente The House of Atreus Act II.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Immortal I Stand (The Birth of Adam) - 6:33
  2. Adorned With the Rising Cobra - 9:40
  3. The Ineffable Name - 7:49
  4. Black Light on Black - 7:03
  5. Bonedust - 6:10
  6. Angel of Death - 8:37
  7. God Above God - 7:13
  8. The Hidden God - 6:51
  9. Childslayer - 5:22
  10. When Dusk Fell - 6:57
  11. Visions of Eden - 7:16
  • Tutte i testi e le musiche di: David DeFeis

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Cori: Jim Hooper e Doreen DeFeis ("Angel Of Death" e "Visions Of Eden")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ metalhammer.it interview with David DeFesi, 2006.
  2. ^ : David DeFeis intervista per l'uscita di Visions Of Eden
  3. ^ stage.bravewords.com
  4. ^ : Landestheater Schwaben Official Site
  5. ^ musicalzentrale.de Lilith.
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal