Visioni simultanee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Visioni simultanee
Visioni simultanee
Autore Umberto Boccioni
Data 1911
Tecnica olio su tela
Dimensioni 60,5 cm × 60,5 cm 
Ubicazione Von Der Heydt Museum, Wuppertal

Visioni simultanee è un dipinto di Umberto Boccioni risalente al 1911, custodito al Von Der Heydt Museum di Wuppertal.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il dipinto, esposto nella prima mostra futurista a Parigi del 1912, ricalca alcuni temi dell'opera La strada entra nella casa,[1] pressoché contemporanea e oggi conservata ad Hannover. In entrambe le tele il personaggio più visibile è una donna, appoggiata ad un balcone (o in questo caso ritratta mentre si sporge da una finestra) e rivolta verso la strada sottostante e gli edifici di fronte.

L'"azione" si svolge su piani sovrapposti, con lo scopo di mostrare nell'opera tutto ciò che sia visibile dalla finestra cui si affaccia la donna; gli edifici si curvano e si scompongono, come le figure per la strada e la donna stessa.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anna D'Elia, L'universo futurista: una mappa, dal quadro alla cravatta, Edizioni Dedalo, 1988, pp. 115-116.
  2. ^ Ester Coen, Futurismo, Giunti Editore, 2009, p. 35.