Virus respiratorio sinciziale umano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Virus respiratorio sinciziale umano
Respiratory Syncytial Virus (RSV) EM PHIL 2175 lores.jpg
Virus respiratorio sinciziale umano al microscopio elettronico
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo V
Ordine Mononegavirales
Famiglia Paramyxoviridae
Sottofamiglia Pneumovirinae
Genere Pneumovirus
Specie

Respiratory Syncitial Virus

Il Virus respiratorio sinciziale umano (in lingua inglese: Human respiratory syncytial virus, sigla hRSV) è un Virus dell'ordine Mononegavirales, famiglia Paramyxoviridae, Sottofamiglia Pneumovirinae, Genere Pneumovirus. La variante umana del virus (esistono virus respiratori sinciziali per altri mammiferi: bovini, ovini, topi, ecc.) è l'agente eziologico più importante della bronchiolite e della polmonite infantile.

Proprietà del virus[modifica | modifica wikitesto]

Il virus respiratorio sinciziale umano (hRSV) ha un genoma costituito da RNA a singolo filamento negativo. La particella infettiva ha forma eterogenea riconducibile essenzialmente e due morfologie principali; una forma rotonda o reniforme del diametro di 150-250 nm, e una forma filamentosa di lunghezza fino a 10 μm. Il virione possiede un rivestimento lipidico sensibile all'etere, e un nucleocapside a simmetria elicoidale che ha uno spessore di 12-15 nm, inferiore a quello degli altri Paramyxoviridae. In colture di cellule umane il hRSV provoca la comparsa di sincizi (cellule pseudo-giganti). Anche altri Paramyxoviridae (ad es. morbillivirus, virus della parotite) formano sincizi nelle colture di cellule umane; ma, a differenza di questi, il virus respiratorio sinciziale è l'unico a non possedere emoagglutinine[1].

Per mezzo di anticorpi monoclonali sono stati descritti due gruppi antigenici di virus respiratorio sinciziale, il gruppo A e B, in base alle differenze nella glicoproteina G presente sul capside virale; la glicoproteina G media l'adesione del virus alle cellule ospite. Le infezioni dovute a ceppi del sottogruppo A appaiono più severe. le differenze antigeniche sono dovute a differenze del virione[2].

L'immunità acquisita dopo una infezione da hRSV è incompleta e di breve durata. L'infezione con RSV di adulti volontari ha dimostrato che la reinfezione si verifica facilmente anche nei volontari che, della inoculazione del virus, avevano livelli di anticorpi neutralizzanti da moderati ad alti. Pertanto, bronchioliti e polmoniti hRSV sono frequenti nei lattanti fino all'età di 3-4 mesi, nonostante la possibile presenza in circolo di livelli elevati di anticorpi anti-hRSV di origine materna trasmessi col latte[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Virus respiratorio sinciziale». In: E. Jawetz, J.L.Melnick, K.A.Adelberg, Microbiologia medica, Padova: Piccin editore, 1973, pp. 508-609
  2. ^ Anderson LJ, Hierholzer JC, Tsou C, et al. «Antigenic characterization of respiratory syncytial virus strains with monoclonal antibodies». J Infect Dis. 1985 Apr;151(4):626-33, PMID 2579169
  3. ^ Geraldine Taylor, Immunology of RSV. Perspectives in Medical Virology. 2006. 14:43-88, DOI: 10.1016/S0168-7069(06)14002-1

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microbiologia