Virtual DJ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sviluppatore Atomix
Ultima versione 7.4.1 (14 novembre 2013)
Sistema operativo Microsoft Windows
Mac OS X
Genere Montaggio di audio digitale
Licenza Proprietario
(Licenza chiusa)
Sito web www.virtualdj.com

Virtual DJ è un Software creato dalla Atomix che permette di emulare due o più giradischi collegati ad un mixer con il proprio PC/MAC. Invece dei classici dischi si usano file audio, come mp3 e WAV o CD. Avendo a disposizione due schede audio o una scheda audio con più uscite sarà possibile sentire anche il preascolto.

Il programma ha a disposizione sia effetti musicali che effetti visivi (disponibili anche dal sito del produttore), utili per mixare i vari brani. Inoltre sempre sul sito sono presenti vari skin che cambiano l'aspetto del software.

Virtual DJ è in grado inoltre di mixare video musicali con gestione separata di audio e video con numerosi effetti di transizione.

Questo programma può rappresentare un primo approccio al mondo del djing senza il costo eccessivo che una console tradizionale comporta. Chiaramente nel momento in cui si decide di utilizzare questo tipo di software a livello professionale si scopre che una consolle digitale non costa certo meno di una consolle "tradizionale".

Molti giovani DJ e aspiranti tali lo considerano non solo utile per cominciare a provare, bensì una valida alternativa alle ingombranti e relativamente costose attrezzature convenzionali.

Alcuni DJ old style temono che il loro mondo venga invaso da ragazzini privi di esperienza, abilissimi a usare questi programmi e disposti a lavorare a compensi troppo bassi, se non gratis, portando il cachet medio del DJ a diminuire costantemente.

In realtà, questi software, come altri (tra cui Ableton Live, VisualDiscoMix, Traktor Scratch Pro, Serato Scratch Live), sono ormai utilizzati da moltissimi DJ famosi (da citare Sasha, James Zabiela, John Digweed, tra gli italiani Amerigo Provenzano, Rudy B e Alex Neri) oltre che da migliaia di DJ professionisti in tutto il mondo, anche se molte funzionalità del programma stesso, se paragonate con i software precedentemente citati, sono qualitativamente più limitate oltre che quantitativamente ridotte, motivo per il quale pur essendo un software diffuso (moltissimo in forma freeware, mentre la versione a pagamento lo è decisamente meno se si escludono i casi in cui il programma viene scaricato illegalmente) a causa della sostanziale ignoranza di novellini e non sulla vastità del mercato in questione, viene ancora considerato una consolle virtuale di minore importanza e di classe secondaria rispetto appunto ai già citati Ableton Live (che supporta per altro anche la funzionalità DAW), Serato e Traktor con le sue varianti, i tre software più famosi a buon diritto per uno scopo di djing Live. Tuttavia, negli anni, Virtual DJ ha sviluppato tre versioni di utilizzo: Virtual DJ "Home Free": una versione gratuita con delle limitazioni sostanziali (permette sessioni da 10 minuti in modalità professionale). Virtual DJ "Limited Edition": una versione data in dotazione ad alcuni controller limitata all'uso dello stesso. Virtual DJ "Professional Full": la versione più completa, con tutti i plug-in di fascia professionale, assistenza, aggiornamenti gratuiti, funzioni video complete e possibilità di utilizzare tutti i controller compatibili.. Degna di nota è la vittoria come "Best DJing software" all' International Dance Music Awards (I.D.M.A.) nelle edizioni 2010 e 2013 portando visibilità al software e consacrandolo come software di livello professionale riconosciuto al pari di Traktor e Serato. Una delle carte vincenti di Virtual DJ consiste nella possibilità di gestire e mixare video (Nella versione Professional Full), diventando un software versatile sia per DJ che per VJ. A livello audio e video, Virtual DJ è completamente personalizzabile tramite i vari plug-in presenti sul sito ufficiale e scaricabili gratuitamente dai possessori di regolare licenza di utilizzo "Professional Full", fattore che ha portato visibilità al software facendolo risultare facilmente plasmabile alle esigenze specifiche dell'utente che lo utilizza. Negli anni,per tenere il passo di Virtual DJ, nel software di Serato è stato introdotto un plug-in a pagamento per implementare la possibilità di mixare i video, mentre il vecchio e blasonato Traktor da anni si è adagiato sugli allori rimanendo fermo al solo mix audio.

Per scopi non commerciali e per l'utenza che non necessita di strumenti particolarmente avanzati, è ora disponibile anche una versione Freeware di Virtual DJ, senza periodi di valutazione, che contiene tutte le funzioni base essenziali.