Virginia de' Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Granducato di Toscana
Casata dei Medici

Coat of arms of the Grand Duke of Tuscany.png

Cosimo I (1569-1574)
Francesco I (1574-1587)
Ferdinando I (1587-1609)
Cosimo II (1609-1621)
Ferdinando II (1621-1670)
Cosimo III (1670-1723)
Gian Gastone (1723-1737)
Un ritratto di Virginia.

Virginia de' Medici (Firenze, 29 maggio 1568Modena, 15 gennaio 1615) era la figlia di Cosimo I de' Medici e della moglie morganatica Camilla Martelli, nata dopo che Cosimo aveva abdicato al ruolo di Granduca di Toscana in favore del figlio Francesco I. La coppia si sposò solo nel 1570 quindi Virginia era illegittima e venne legittimata solo in seguito "per subsequens".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo che i negoziati per maritarla a uno Sforza fallirono, il 6 febbraio 1586 sposò Cesare d'Este, Duca di Ferrara e dal 1597 di Modena. Virginia visse a Ferrara e diverse volte tornò in Toscana in alcune occasioni speciali, come il matrimonio di suo fratello Ferdinando con Cristina di Lorena (1589) o il battesimo di Cosimo II (aprile 1592). Quando suo marito perse Ferrara, si trasferì a Modena con la corte (15 gennaio 1598).

Dopo circa dieci anni di matrimonio manifestò i primi segni della pazzia che l'accompagnarono fino alla morte, avvenuta nel 1615. Fu sepolta a Modena, nella chiesa di San Vincenzo.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Dall'unione tra Virginia e Cesare nacquero nove figli:

  1. Giulia d'Este (1588-1645);
  2. Alfonso III d'Este (1591-1644), Duca di Modena dal 1628;
  3. Luigi I d'Este (1594-1664), Marchese di Scandiano e Montecchio;
  4. Laura d'Este (1594-1630);
  5. Anna Eleonora (1597-1661), monaca nel convento di Santa Chiara di Carpi cool nome di suor Angela Caterina ;
  6. Ippolito Geminiano d'Este (1599-1647);
  7. Niccolo Pietro d'Este (1601-1640);
  8. Borso d'Este (1605-1657);
  9. Foresto d'Este (1606-1639/1640);

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Marcello Vannucci, Le donne di casa Medici, Newton Compton Editori, Roma 1999, ristampato nel 2006 ISBN 88-541-0526-0

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]