Virginia Rappe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Virginia Rappe

Virginia Rappe (New York, 7 luglio 1891[1]San Francisco, 9 settembre 1921) è stata una modella e attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Chicago, Virginia Rappe iniziò a lavorare come modella già all'età di 14 anni. Dopo aver destato un certo interesse per aver posato con una cuffietta sulla copertina dello spartito di una canzonetta di successo, Let me call you Sweetheart, ricavò il soprammone della "ragazza con la cuffietta". Nel 1917 si trasferì a Hollywood e fu diretta dal regista Fred Balshofer in Paradise Garden e nel 1918, Balshofer la chiamò di nuovo per recitare come comprimaria accanto a Julian Eltinge e Rodolfo Valentino in Over The Rhine (film che fu rimontato qualche anno dopo e uscì con il titolo Isle Of Love), nel quale fu premiata del titolo di Best dressed girl in pictures. In seguito arrivò un'offerta da Mack Sennett e la ragazza andò a lavorare nel suo studio, facendo una serie di particine in qualche film[2]. Dovette essere particolarmente attiva sul piano sentimentale, e rimase legata all'"epidemia" di piattole che colpì la troupe, tanto che Sennett chiuse un intero giorno gli studios e li fece fumigare[3].

Intanto nel 1919 incominciò una relazione sentimentale con il produttore e regista Henry Lehrman, legato agli studios di Sennett, che le diede una piccola parte nel suo film Fantasy e tempo dopo le presentò Roscoe "Fatty" Arbuckle, che dirigeva in Joey Loses a Sweetheart[3].

La sua carriera sembrava avviata al successo quando William Fox le fece un contratto e si iniziò a pensare a lei come protagonista di un film di produzione imminente, Twilight Baby, lungometraggio della Fox. Anche Arbuckle si era invaghito della ragazza, e le aveva offerto la parte di protagonista in un suo prossimo film. In tali circostanze "Fatty" la invitò, insieme ad altri personaggi di Hollywood, alla sua festa per celebrare il suo nuovo contratto triennale con la Paramount, che si tenne a San Francisco il 5 settembre 1921[3].

Lo scandalo "Arbuckle"[modifica | modifica wikitesto]

La festa di Arbuckle fu uno dei primi gravi scandali di Hollywood, che seguiva a ruota quello di Olive Thomas dell'anno precedente[3].

Approfittando di una pausa delle riprese del film a cui stava lavorando, Roscoe si recò a San Francisco in compagnia di due amici e prese alloggio al St. Francis Hotel, dove organizzò una festa invitando anche diverse ragazze. Nel mezzo della festa, Virginia Rappe fu colta da malore. Il medico dell'hotel, che la visitò, diagnosticò un'intossicazione da miscuglio alcolico e stupefacente. Tre giorni più tardi la ragazza morì di peritonite. La stampa volle fare dell'incidente uno scandalo sulla lussuriosa vita hollywoodiana, e Roscoe Arbuckle fu incriminato per omicidio e stupro, nonostante il patologo che esaminò il corpo della ragazza non avesse rilevato segni di violenza carnale. Durante il primo dei tre dibattimenti processuali, alla fine dei quali l'attore fu prosciolto con formula piena (e con le scuse formali della giuria), Arbuckle asserì di avere udito delle grida provenire dal bagno e di avervi trovato la Rappe in preda a lancinanti dolori allo stomaco, di averla aiutata a stendersi sul letto prima di chiamare il medico e di essere rimasto solo con lei per non più di dieci minuti complessivamente.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The foolish virgin (1916) diretto da Albert Capellani
  • Paradise garden (1917) diretto da Fred Balshofer
  • His musical sneeze (1919) diretto da Jack White
  • An adventuress (1920) diretto da Fred Balshofer
  • A twilight baby (1920) diretto da Jack White
  • A game lady (1921) diretto da Noel Smith

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Virginia Rappe - Biography
  2. ^ Dagospia - Babilonia
  3. ^ a b c d Kenneth Anger, Hollywood Babilonia, 1975.
  4. ^ Fatty Roscoe Arbuckle,uno scandalo a Hollywood « Paultemplar’s Weblog

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]