Vira (Gambarogno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vira (Gambarogno)
frazione
Vira (Gambarogno) – Stemma
Vira (Gambarogno) – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Locarno
Comune Gambarogno
Territorio
Coordinate 46°08′35″N 8°50′25″E / 46.143056°N 8.840278°E46.143056; 8.840278 (Vira (Gambarogno))Coordinate: 46°08′35″N 8°50′25″E / 46.143056°N 8.840278°E46.143056; 8.840278 (Vira (Gambarogno))
Altitudine 201 m s.l.m.
Superficie 11,94 km²
Abitanti 642
Densità 53,77 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6574
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Vira (Gambarogno)
Vira (Gambarogno) – Mappa
Sito istituzionale

1leftarrow.pngVoce principale: Gambarogno.

Vira (Gambarogno) è un ex comune del Canton Ticino sul Lago Maggiore. Dal 25 aprile 2010 fa parte di Gambarogno, nel quale è confluito con Caviano, Contone, Gerra (Gambarogno), Indemini, Magadino, Piazzogna, San Nazzaro e Sant'Abbondio[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Insediamento di origine preistorica e un tempo detentore di diritti doganali, trae l'origine del nome da un nucleo, protetto da cancelli e palizzate, sorto a protezione della strada per Bellinzona. Nella zona furono molte le fortificazioni di origine longobarda[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Edilizia religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Edilizia civile[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Tommasina.
  • Casa Breetz.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il comune ospita dal 1968 una Mostra internazionale di scultura all'aperto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aggregazione nel nuovo comune di Gambarogno.
  2. ^ Ottavio Lurati, Ghirla e ghirlanda (Inferno XIV, 10) e le ghirlande di Leonardo in salda muratura...; enigmi semantici, in Paolo D'Achille, Enzo Caffarelli (a cura di), Quaderni Internazionali di RION 3 (2008), Società Editrice Romana, Roma 2008, 53.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 397, 477, 583.
  • Guglielmo Buetti, Note Storiche Religiose delle Chiese e Parrocchie della Pieve di Locarno, (1902), e della Verzasca, Gambarogno, Valle Maggia e Ascona (1906), II edizione, Pedrazzini Edizioni, Locarno 1969.
  • Rinaldo Giambonini, Agostino Robertini, Silvano Toppi, Vira Gambarogno, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1971, 307-315.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 147, 149-151.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 154, 155, 156, 157.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Frazioni di Gambarogno Stemma del Canton Ticino
Caviano | Contone | Gerra | Indemini | Magadino | Piazzogna | San Nazzaro | Sant'Abbondio | Vira (Gambarogno)
Locarno | Ticino | Svizzera
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino