Violette Leduc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Violette Leduc (Arras, 7 aprile 1907Faucon, 28 maggio 1972) è stata una scrittrice francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era la figlia illegittima di una cameriera di nome Berthe Leduc. A Valenciennes, Violette trascorse un'infanzia segnata da una scarsissima autostima, esacerbata dall'ostilità della madre iperprotettiva e dura. Ebbe un bel rapporto di amicizia con la nonna Fideline e la zia materna, Laure.

I suoi studi, iniziati nel 1913, furono interrotti dalla prima guerra mondiale, ma furono ripresi dopo la guerra al Collège de Douai, dove ebbe due relazioni lesbiche con una sua compagna di classe, e con un'insegnante di musica che fu licenziata in seguito alla vicenda.

Nel 1926 si trasferì a Parigi, iscrivendosi al Licée Racine. Non superò l'esame di maturità, per cui cominciò a lavorare come centralinista e segretaria alla casa editrice Plon.

Nel 1938 incontrò Maurice Sachs e nel 1945 Simone de Beauvoir, che la incoraggiarono a scrivere. Il suo primo romanzo, L'asphyxie, fu pubblicato da Albert Camus con le edizioni Gallimard e meritò le lodi di Jean-Paul Sartre, Jean Cocteau e Jean Genet.

La sua opera più famosa, l'autobiografico La bâtarde (trad. it.: La bastarda), fu pubblicato nel 1964. Era candidato al Prix Goncourt, che non vinse per poco, e divenne subito un bestseller. In essa racconta con una franchezza insolita in quel periodo anche delle sue relazioni con altre donne.

Continuò a scrivere altri libri, tra cui La Folie en tête, la seconda parte della sua autobiografia letteraria.

Nel 1968 Radley Metzger trasse un film dal romanzo di Leduc Thérèse and Isabelle (trad. it.: Teresa e Isabella), relativo all'amore lesbico fra due adolescenti, con Essy Persson e Anna Gael.

Leduc sviluppò un tumore al seno e morì dopo due operazioni.

Carlo Jansiti è il biografo di Violette Leduc: "Carlo Jansiti, Violette Leduc, biographie", p. 487, Grasset, 1999

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • L'Asphyxie, 1946. (trad. it. L'Asfissia, La Rosa, 1982, con una nota di Edda Melon)
  • L'Affamée, 1948. (trad. it. L'Affamata, La Rosa, 1980)
  • Ravages, 1955.
  • La vieille fille et le mort suivi de Les Boutons dorés, 1958.
  • Trésors à prendre, 1960.
  • La Bâtarde, 1964, prefazione di Simone de Beauvoir (trad. it.: La bastarda, Feltrinelli 1965; Mondadori, 1989, introduzione di Carlo Jansiti).
  • La Femme au petit renard, 1965 (trad. it.: La donna col renard, Feltrinelli, 1969).
  • Thérèse et Isabelle, 1966 (trad. it.: Teresa e Isabella, Feltrinelli, 1969; Thérèse e Isabelle, Guanda, 1997).
  • La Folie en tête, 1970 (trad. it.: La Follia in testa, La Rosa 1982).
  • Le Taxi, 1971 (trad. it.: Il Taxi, Es, 1993, a cura di Angelo Morino).
  • La Chasse à l'amour, 1973.
  • Thérèse et Isabele, version intégrale, 2000 (trad. it.: Thérèse e Isabelle, Baldini & Castoldi, 2002, postfazione e note di Carlo Jansiti).
  • Correspondance 1945-1972, a cura di Caro Jansiti, "Les Cahiers de la NRF", Gallimard, 2007

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39379984