Vintebbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vintebbio
frazione
Una via al centro del paese
Una via al centro del paese
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Comune Serravalle Sesia-Stemma.png Serravalle Sesia
Territorio
Coordinate 45°39′59″N 8°19′55″E / 45.666389°N 8.331944°E45.666389; 8.331944 (Vintebbio)Coordinate: 45°39′59″N 8°19′55″E / 45.666389°N 8.331944°E45.666389; 8.331944 (Vintebbio)
Altitudine 297[1] m s.l.m.
Abitanti 390[2] (2001)
Altre informazioni
Cod. postale 13037
Prefisso 0163
Fuso orario UTC+1
Cod. catastale C564
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vintebbio

Vintebbio è una frazione del comune di Serravalle Sesia situata a 297  m s.l.m. Prima di essere aggregata a Serravalle fu capoluogo di un comune autonomo.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Vintebbio è collocata nella bassa Valsesia circa tre km a sud del capoluogo. Sorge sul fondovalle ai piedi delle colline, in destra idrografica della Sesia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il castello; sullo sfondo il monte Barone

Vintebbio fu comune autonomo fino al 1927, anno nel quale fu unito a Serravalle[3]. Il codice ISTAT del comune soppresso era 002829[4], il codice catastale (valido fino al 1983) era M061[5]

Edifici notevoli[modifica | modifica sorgente]

  • Castello: fu costruito attorno all'800 ad opera dei vescovi di Vercelli[6] fu smantellato dai valsesiani nel 1559. Oggi ne restano le massicce rovine sul colle che domina il paese.[7]
  • Chiesa parrocchiale di San Giuseppe.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Tra il 1880 e il 1933 Vintebbio fu servita dalla tranvia Vercelli-Aranco.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  2. ^ 14º Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, dati on-line sul sito Istat dawinci.istat.it (consultato nel giugno 2013)
  3. ^ Regio Decreto n° 1654 del 12 agosto 1927, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 221 del 24 settembre 1927
  4. ^ Istat, www3.istat.it (consultato nel consultato nel giugno 2013)
  5. ^ Codice Catastale del Comune di:VINTEBBIO , on-line su www.ilcodicefiscale.it (consultato nel giugno 2013)
  6. ^ Castello di Vintebbio, scheda su www.comune.serravallesesia.vc.it (consultato nel giugno 2013)
  7. ^ AA. VV., Guida d'Italia - Piemonte, Milano, Touring Editore, 1976, p. 576.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Goffredo Casalis, Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli stati del Redi Sardegna, G. Maspero, 1854, pp. 551 - 557.
  • Cesare Canali e Federica Vercella Baglione, Il castello di Vintebbio: storia, archeologia, documenti, EOS, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte