Vinnie Jones

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vinnie Jones
VinnieJonesCCJuly07.jpg
Vinnie Jones al San Diego Comic-Con International per la promozione di Prossima fermata: L'inferno (2007)
Dati biografici
Nome Vincent Peter Jones
Nazionalità Galles Galles
Altezza 185 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1984-1986 Wealdstone  ? (?)
1986 Holmsund Holmsund  ? (?)
1986-1989 Wimbledon FC Wimbledon FC 77 (9)
1989-1990 Leeds Leeds 46 (5)
1990-1991 Sheffield Utd Sheffield Utd 35 (2)
1991-1992 Chelsea Chelsea 42 (4)
1992-1998 Wimbledon FC Wimbledon FC 177 (12)
1998-1999 QPR QPR 9 (1)
Nazionale
1994-1997 Galles Galles 8 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vincent Peter Jones (Watford, 5 gennaio 1965) è un attore ed ex calciatore gallese, di ruolo centrocampista.

Vinnie è stato lanciato come attore dal regista inglese Guy Ritchie.

Carriera calcistica[modifica | modifica wikitesto]

Vinnie Jones è nato a Watford, mentre il padre lavorava come guardiacaccia. Ha iniziato la carriera calcistica nel 1984 nel Wealdstone, lavorando nel tempo libero come manovale.

Ha giocato una stagione con gli svedesi dell'IFK Holmsund nel 1986 e li ha aiutati a vincere il campionato di terza divisione.[1]

Nello stesso anno si trasferisce al Wimbledon. Ha fatto parte della Crazy Gang, ovvero la squadra che ha vinto la FA Cup 1988 contro il Liverpool, il più grande successo del club. Successivamente ha giocato per il Leeds United, lo Sheffield United, e il Chelsea, prima di tornare nuovamente a Wimbledon nel 1992. Ha giocato oltre 250 partite per il Wimbledon, dopodiché è diventato giocatore / allenatore del QPR nel 1998.

Jones è diventato subito famoso per la sua immagine da "duro". Detiene il record per il cartellino più veloce, tre secondi[2], è stato espulso 12 volte nella sua carriera (secondo solo a Roy Keane con 13). In un noto incidente ha distratto Paul Gascoigne strizzando i suoi testicoli.[3] Durante un altro match, rovinò la carriera del difensore del Tottenham Gary Andrew Stevens con un duro tackle.

Inoltre è stato anche il presentatore del famigerato Soccer's Hard Men, video pubblicato nel 1992, caratterizzato da filmati di sé stesso e molti altri "uomini duri" del calcio; con molti consigli per diventare "uomini duri". Dopo l'uscita del video, Jones è stato multato £ 20.000, squalificato per sei mesi, e sospeso per tre anni dalla Football Association per "mostrare il gioco del calcio in cattiva luce".

Molti dei colleghi di Jones si sono affrettati a condannare sia il video che lo stesso Jones. Uno dei suoi critici più accesi fu David Ginola, che ha detto: "Jones non merita di essere considerato un calciatore".

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Wimbledon FC: 1987-1988

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 ha presentato come conduttore-narratore la serie televisiva di docu reality per la britannica ITV4, World's Thoughest Cops, in ogni episodio è stato documentato il lavoro di forze di polizia speciale in paesi del mondo dove la criminalità è più che mai in attività, concentrandosi sugli aspetti più pericolosi del mestiere. Trasmesso in Italia nel 2012, doppiato da Stefano Valli (Pietrosanto)

Il 3 gennaio 2010 è entrato a far parte del cast del Celebrity Big Brother, la versione vip del Grande Fratello inglese. Dopo 27 giorni di permanenza nella casa, senza ricevere neppure una nomination, nella finale del 29 gennaio 2010 si è classificato al terzo posto.

Nel 2010 ha fatto parte del cast della serie televisiva americana Chuck come guest star nel secondo episodio della terza stagione.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Jones aveva preso in considerazione una sua candidatura politica[senza fonte].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.svenskidrott.se/Organisation.asp?WCI=wiKlubbKassaNews&WCU=87823 (Swedish)
  2. ^ Knowledge Unlimited
  3. ^ L'infame incidente Vinnie Jones - The Weird Picture Archive <! - Bot generato titolo ->

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 46405816 LCCN: no2001002930