Vincere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincere
Vincere Bellocchio.PNG
Giovanna Mezzogiorno in una scena del film
Titolo originale Vincere
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 2009
Durata 128 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, romantico, storico
Regia Marco Bellocchio
Soggetto Marco Bellocchio
Sceneggiatura Marco Bellocchio, Daniela Ceselli
Produttore Mario Gianani
Produttore esecutivo Olivia Sleiter
Casa di produzione Rai Cinema, Offside Film, Celluloid Dreams, con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed il sostegno di Eurimages, in collaborazione con l'Istituto Luce e Sofica Soficinema 4
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Daniele Ciprì
Montaggio Francesca Calvelli
Effetti speciali Ghost SFX
Musiche Carlo Crivelli
Scenografia Marco Dentici
Costumi Sergio Ballo
Trucco Franco Corridoni, Patrizia Corridoni, Alberta Giuliani, Francesco Nardi
Interpreti e personaggi
« Sarà un film politico con una continua contaminazione della finzione con il repertorio. Il Mussolini del mio film ricorda l'Alessandro de I pugni in tasca, che si "realizza" uccidendo madre e fratello. »
(Bellocchio al Corriere della Sera[1])

Vincere è un film storico del 2009, diretto e sceneggiato da Marco Bellocchio, con la partecipazione di Giovanna Mezzogiorno e Filippo Timi come principali interpreti. È stato l'unico film italiano in concorso al Festival di Cannes del 2009.[2][3]

È stato il film più premiato ai David di Donatello 2010, con otto premi su quindici candidature, fra cui quello per il miglior regista, ma non ha vinto quello per il miglior film, conquistato da L'uomo che verrà.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia ruota attorno a Benito Albino Dalser, figlio del dittatore Benito Mussolini (Filippo Timi) e di Ida Irene Dalser (Giovanna Mezzogiorno).

Le vicende partono dall'anno in cui Mussolini conobbe la Dalser sino all'anno in cui il loro figlio viene rinchiuso in manicomio. Il film ripercorre l'amore tormentato e non corrisposto di Ida verso il giovane Mussolini, che prima se ne invaghisce, e poi la ripudia, facendo internare anche lei in manicomio, perché troppo invadente ed imbarazzante.

Parte della trama racconta anche di Rachele Guidi (Michela Cescon), consorte di Mussolini dal 1916, e di come la relazione con la Dalser abbia inciso sulla loro vita privata.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è stato finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Torino Film Commission e da Rai Cinema.[4] Le riprese sono iniziate a Trento il 12 maggio 2008, e durante l'estate sono proseguite a Torino, Carignano e Venezia.[1]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

I diritti di distribuzione cinematografica all'estero sono di proprietà della società francese Celluloid Dreams.[1]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film sono presenti dei brani tratti da alcune opere liriche: Aida, Tosca, Rigoletto, Pagliacci.
  • Filippo Timi è sia il giovane Mussolini sia Benito Albino da adulto.
  • Tra le comparse dei mutilati di guerra ritroviamo alcuni atleti paralimpici di Ice Sledge Hockey: Gregory Leperdi, Andrea Chiarotti e Valerio Corvino
  • La colonna sonora di Carlo Crivelli è stata registrata, invece che in studio di registrazione, in Location recording al Teatro "La Fragolina" di Fossa (AQ), dall'Orchestra "Città Aperta".

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Giovanna Romano, Giovanna Mezzogiorno ciak per Bellocchio, Digilander Libero, 03-04-2008. URL consultato il 24-05-2008.
  2. ^ Cannes, "Vincere" di Bellocchio unico italiano in concorso, repubblica.it, 23/04/2009. URL consultato il 23/04/2009.
  3. ^ Tarantino, Almodovar, Loach, Von Trier: alla Croisette sarà una sfida tra big, corriere.it, 23/04/2009. URL consultato il 24/04/2009.
  4. ^ Giovanna Mezzogiorno nel nuovo film di Bellocchio, Cineblog, 03-04-2008. URL consultato il 24-05-2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema