Vincenzo de Cesati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo de Cesati (Milano, 18061883) è stato un botanico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha studiato storia naturale all’Università di Vienna, e ha lavorato come volontario al Collegium Nacionale di Vercelli.
Dal 1868 al 1883 fu direttore dell'orto botanico di Napoli, prendendo il posto di Guglielmo Gasparrini.
La maggior parte della sua collezione di piante è conservata all’istituto botanico dell’Università di Roma.

Da lui prende il nome il genere Cesatia della famiglia Apiaceae.

Con Giovanni Passerini e Giuseppe Gibelli, è stato autore del Compendio della flora italiana, una silloge di 35 volumi sulla flora italiana, pubblicata tra il 1868 e il 1886.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Compendio della flora italiana, 35 voll. 1868-1886 (con Giovanni Passerini e Giuseppe Gibelli)
  • Stirpe Italicae: iconografia universale delle piante italiane (Pyrole, Milano, 1840)
  • Saggio di una bibliografia algologica italiana (Accademia reale delle scienze, Napoli, 1882)


Ces. è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Vincenzo de Cesati.
Elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI
Consulta la lista delle abbreviazioni degli autori botanici.


Controllo di autorità VIAF: 59836833