Vincenzo Vangelisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo Vangelisti (Firenze, 1740Milano, 1798) è stato un incisore italiano.

Fiorentino di nascita, in giovane età si recò a Parigi per studiarvi le tecniche dell'incisione su rame presso gli artisti Hugford e Wille.

Nel 1766 fu a Milano chiamato dall'Imperatore d'Austria Leopoldo II per insegnare all'Accademia di Brera e nel 1790 vi fu il primo direttore della Scuola d'incisione appena istituita. Ma l'esordio non fu dei più felici, anche a causa del suo carattere chiuso e scontroso; Morghen espresse un parere sfavorevole sul suo operato e la scuola venne chiusa nel 1798.
Nello stesso anno, in un momento di sconforto, Vangelisti si suicidò.

Tra i suoi allievi fu Giuseppe Longhi che poi gli succedette alla direzione della stessa Scuola d'incisione.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • La Vergine col Bambino, da Raffaello
  • Ritratto di Armando di Borbone, da A. de Pujol
  • Piramo e Tisbe, da Laurent de La Hyre
  • Venere e Cupido, da Agostino Carracci
  • Satiro e ninfa, da van Loo

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]