Vincenzo Giordano Zocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo Giordano Zocchi (Napoli, 7 gennaio 1842Napoli, 7 luglio 1877) è stato uno scrittore italiano.

Nato a Napoli nel 1842, vive svolgendo il lavoro di insegnante di filosofia presso licei in più parti d'Italia. Trasferitosi a Roma con un incarico del Ministero della Pubblica Istruzione, qui scrive le sue opere più conosciute. Colpito dalla malaria, torna a Napoli dove muore nel luglio 1877.

Il suo lavoro più celebre è Memorie di un ebete, dove le riflessioni filosofiche vengono poste sotto forma di romanzo epistolare attraverso la mediazione del patto autobiografico[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Emma Giammattei, Il romanzo di Napoli: geografia e storia letteraria nei secoli XIX e XX, Napoli, Guida, 2003.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]