Vincenzo Gianferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Gianferrari

Vincenzo Gianferrari (Reggio nell'Emilia, 10 ottobre 1859Milano, 29 novembre 1939) è stato un direttore d'orchestra e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia violino con G. Tebaldi e pianoforte,armonia e contrappunto con G. Mattioli, fuga e composizione con Alessandro Busi. Diplomatosi presso l'allora Liceo Musicale di Bologna nel 1885, ebbe una discreta carriera come direttore d'orchestra. Diresse società musicali e spettacoli lirici. Dal 1889 fu direttore della Scuola Musicale di Rovereto (al tempo borgo del Tirolo austro-ungarico) ed ebbe tra gli allievi il giovane Riccardo Zandonai (1883-1944). Dal 1889 fu direttore del Liceo Musicale di Trento e della Società Filarmonica della stessa città.

Alla carriera di direttore d'orchestra e di didatta affiancò l'attività compositiva. Accanto alle liriche da camera, si ricordino i poemi sinfonici La marcia di Leonida e La notte dell'Innominato; Tre Preludi e un Quartetto in si bemolle edito da Ricordi. Per il teatro compose Trecce nere su libretto di Erminio Manzini. Si ricordano: la suite per piccola orchestra Il Dolore eseguita nei concerti della Filarmonica di Trento; Dieci cori a quattro voci dispari o per sole donne su testi di Carducci, Pascoli e D'Annunzio. Da ricordare ancora Festa Campestre e Notturno eseguiti a Milano nel 1934.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]