Vincenzo D'Addario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo D'Addario
arcivescovo della Chiesa cattolica
VincenzoDAddarioRoma30Novembre2005.jpeg
Mons. Vincenzo D'Addario incontra Sua Santità Benedetto XVI, Piazza San Pietro, 30 novembre 2005 (il giorno dopo morirà)
Stemma d'addario.JPG
Amoris officium pascere dominicum gregem
Incarichi ricoperti Vescovo coadiutore di Ascoli Satriano e Cerignola
Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano
Arcivescovo di Manfredonia-Vieste
Arcivescovo, titolo personale, di Teramo-Atri
Nato 8 maggio 1942, a Pianella
Ordinato presbitero 26 giugno 1966
Consacrato vescovo 5 giugno 1986
Elevato arcivescovo 2 giugno 1990
Deceduto 1º dicembre 2005, a Teramo

Vincenzo D'Addario (Pianella, 8 maggio 1942Teramo, 1º dicembre 2005) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compie gli studi prima nel seminario diocesano, di Penne, per le scuole medie inferiori, poi nel seminario regionale, di Chieti, per gli studi liceali e teologici. In seminario si distingue per comportamento esemplare, sia nel campo della disciplina e degli studi, sia in quello formativo e spirituale.

Riceve l'ordinazione sacerdotale, dalle mani del vescovo Antonio Iannucci, il 26 giugno 1966, nella chiesa parrocchiale di Pianella, e trasmette il programma augurale di Sant'Agostino: "Solo l'amore è il segreto per pascere il gregge di Dio".

Svolge il suo ministero sacerdotale e pastorale sempre a fianco del Iannucci, prima come suo segretario particolare, per 12 anni, poi come pro-vicario generale, per 8 anni, e quindi vicario generale, dell'arcidiocesi di Pescara-Penne, per circa 18 mesi. Insegnante, di Religione, al Liceo classico, di Pescara, per oltre 15 anni; assistente diocesano di Azione Cattolica; aiutante nella parrocchia dello Spirito Santo; mentre dal 1983 al 1985 è primo parroco, della nascente parrocchia, di San Marco Evangelista e parroco ad interim del Sacro Cuore, a Pescara.

Mons. D'Addario in Piazza San Pietro la sera del 30 novembre 2005 (di qui a poche ore morirà)

Con bolla pontificia, di Giovanni Paolo II, dell'11 aprile 1986, è eletto coadiutore, di Mario Di Lieto, vescovo di Ascoli Satriano e Cerignola, allora infermo. È ordinato vescovo il 5 giugno 1986 a Pescara nella chiesa dello Spirito Santo dal cardinale Bernardin Gantin e dagli arcivescovi Antonio Iannucci e Antonio Valentini, alla presenza, inoltre, di 20 vescovi e di circa 150 sacerdoti abruzzesi e pugliesi.

Il 16 aprile 1987 diviene, per coadiutoria, vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano.

Il 2 giugno 1990 viene promosso arcivescovo di Manfredonia-Vieste.

Il 2 maggio 1999, sul sagrato di San Pietro, chiede a Giovanni Paolo II di procedere alla beatificazione di Padre Pio da Pietrelcina.

Il 24 agosto 2002 è nominato arcivescovo, titolo personale, di Teramo-Atri.

Il 30 novembre 2005 accompagna all'incontro con papa Benedetto XVI più di 300 giovani della diocesi di Teramo-Atri che nell'agosto 2005 hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù di Colonia, in Germania. Dopo la consueta udienza in piazza San Pietro celebra la sua ultima messa nell'altare centrale della basilica di San Pietro e nel pomeriggio si intrattiene nella piazza animata dai giovani al seguito.

Rientrato a Teramo in serata, spira alle ore 8 del mattino del giorno successivo, il 1º dicembre 2005, mentre recita le lodi mattutine, nella cappella dell'episcopio aprutino.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Trattamenti di
Vincenzo D'Addario
Stemma
Trattamento di cortesia Sua Eccellenza
Trattamento colloquiale Eccellenza Reverendissima
Trattamento religioso arcivescovo
Trattamento informale Monsignor
I trattamenti d'onore
Predecessore Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano Successore BishopCoA PioM.svg
Mario Di Lieto 16 aprile 1987 - 2 giugno 1990 Giovanni Battista Pichierri
Predecessore Arcivescovo di Manfredonia-Vieste Successore Archbishop CoA PioM.svg
Valentino Vailati 2 giugno 1990 - 24 agosto 2002 Domenico Umberto D'Ambrosio
Predecessore Vescovo di Teramo-Atri
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Antonio Nuzzi 24 agosto 2002 - 1º dicembre 2005 Michele Seccia