Vinca minor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pervinca minore
Vinca minor.JPG
Fioritura di Vinca minor
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Gentianales
Famiglia Apocynaceae
Sottofamiglia Rauvolfioideae
Tribù Vinceae
Sottotribù Vincinae
Genere Vinca
Specie V. minor
Nomenclatura binomiale
Vinca minor
L.

La pervinca minore (Vinca minor L.) è una liana erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Apocinacee[1], tipica del sottobosco, dove forma estesi tappeti sempreverdi, ma comune anche lungo i bordi delle strade.

È una pianta piuttosto diffusa, di cui alcune cultivar sono coltivate a scopo ornamentale, soprattutto per realizzare bordure.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

0012614 Vinca minor.jpg

Alta 10-15 cm, ha un portamento strisciante e tappezzante. Forma grandi tappeti di fusti striscianti piuttosto esili ed alti al massimo 18 cm che producono radici ai nodi e portano foglie opposte, ellittiche, coriacee e lucide superiormente.
I fiori compaiono tra marzo e maggio, con una possibile seconda fioritura in autunno e sono caratterizzati da un colore azzurro-violetto, denominato appunto blu-pervinca. Sbocciano su peduncoli di 1 - 1,5 cm all'ascella di corti rametti ascendenti. La corolla è composta da 5 petali con l'apice troncato obliquamente.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È nativa dell'Europa centrale e meridionale.

Cresce nel sottobosco erbaceo, specialmente sotto le querce.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

A livello popolare le parti aeree della pianta sono utilizzate per migliorare la circolazione sanguigna. La pianta contiene in effetti il principio attivo vincamina di cui è dimostrata l'attività nootropica sulla circolazione cerebrale[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Vinca minor in The Plant List. URL consultato il 18 settembre 2014.
  2. ^ Cook, P; James, I, Cerebral vasodilators in N Engl J Med., vol. 305, nº 26, 24 dicembre 1981, pp. 1560–1564, DOI:10.1056/NEJM198112243052604, PMID 7031468.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica