Villigiso di Magonza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villigisio di Magonza
arcivescovo della Chiesa cattolica
Willigis schedelchronik.jpg
ArchbishopPallium PioM.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Magonza
Nato 940
Consacrato vescovo 975
Deceduto 23 febbraio 1011, Magonza

Villigiso (Schöningen, 940Magonza, 23 febbraio 1011) fu Arcivescovo di Magonza dal 975 sino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Villigiso divenne Principe-Arcivescovo di Magonza e arcicancelliere imperiale. Nel 983 l'imperatore Ottone II durante la riunione dei Principi, chiamata Dieta, che si teneva a Verona, incaricò, Villigiso allora vescovo di Magonza, dell'amministrazione della regione a nome dell'imperatore. Era il tempo in cui i due poteri, quello religioso e quello politico-militare, provavano ad operare insieme nell'interesse del popolo. Villigiso inizio a costruire la sua cattedrale, il Duomo di Magonza dopo il 975.

La Chiesa di Santo Stefano venne costruita nel 990 da Villigiso come "luogo di preghiera dell'impero" per Teofano. Un edificio in stile gotico ed oggi è la principale chiesa gotica della città et Reno centrale. Villigiso ha anche dato la Basilica di San Martino in Bingen am Rhein rango di una chiesa collegiata.

Egli incoronò Enrico II il Santo, nel 1002, in seguito alla morte del cugino Ottone III, venne eletto re di Germania a Magonza.

Villigis fu cappellano e consigliere di Ottone I e di Ottone II, quindi arcivescovo di Magonza e arcicancelliere imperiale. Svolse una politica di pacificazione civile e promosse la diffusione del cristianesimo nello Schleswig, nello Holstein e in Svezia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Magonza Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Ruprecht di Magonza 975-1011 Erchanbaldo di Magonza