Villanova d'Ardenghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villanova d'Ardenghi
comune
Villanova d'Ardenghi – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Sindaco Claudia Maria Mussi (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 45°10′00″N 9°02′00″E / 45.166667°N 9.033333°E45.166667; 9.033333 (Villanova d'Ardenghi)Coordinate: 45°10′00″N 9°02′00″E / 45.166667°N 9.033333°E45.166667; 9.033333 (Villanova d'Ardenghi)
Altitudine 86 m s.l.m.
Superficie 6 km²
Abitanti 786[1] (31-12-2010)
Densità 131 ab./km²
Comuni confinanti Carbonara al Ticino, Gropello Cairoli, Zerbolò, Zinasco
Altre informazioni
Cod. postale 27030
Prefisso 0382
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018179
Cod. catastale L983
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti villanovesi
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Villanova d'Ardenghi
Posizione del comune di Villanova d'Ardenghi nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Villanova d'Ardenghi nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Villanova d'Ardenghi è un comune italiano di 781 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella Lomellina orientale, sul ciglio del terrazzo che domina la valle alluvionale del Ticino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Villanova fu un possesso del monastero di Santa Maria Teodote di Pavia fin dal X secolo. Il nome di Villanova indica che fu fondata o rifondata, probabilmente in quel periodo, come insediamento agricolo. Poco dopo ne divennero signori gli Ardenghi, tanto che già nel 1250 era detta Villanova de Ardenghis. Ebbe sempre un forte legame con la vicina Carbonara al Ticino, tanto che in qualche periodo la sua chiesa dipese dalla parrocchia di Carbonara, e anche i comuni furono forse uniti. Comunque feudalmente le sorti dei due paesi furono diverse: mentre infatti Carbonara fu legata al feudo di Gropello, Villanova appartenne dal XV al XVII secolo agli Eustachi di Pavia, feudatari di gran parte della Lomellina sudorientale (Cava Manara, Zinasco ecc.), e dal 1666 ai Peverelli di Milano. Nel 1713 passò, con tutta la Lomellina, sotto la sovranità dei Savoia, appartenendo alla Provincia di Lomellina, e dal 1859 alla Provincia di Pavia.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]