Villanova (quartiere di Cagliari)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villanova
Cagliari panorama.jpg
Stato Italia Italia
Regione Sardegna Sardegna
Provincia Cagliari Cagliari
Città Cagliari-Stemma.png Cagliari
Mappa dei quartieri di Cagliari
Mappa dei quartieri di Cagliari
Quartieri di Cagliari
Stemma di Cagliari

Quartieri storici

Villanova (Biddanoa in sardo) è uno dei quattro quartieri storici di Cagliari, fondato nel XIII secolo ai piedi del versante est del colle su cui sorge Castello.

I primi abitanti del quartiere furono i contadini del vicino campidano che intrattenevano relazioni commerciali con la città. Villanova nacque quando questi contadini decisero di stabilirsi più vicini a Cagliari, in modo da averne agevolazione nella loro attività. Fino ai primi decenni del XX secolo, l'origine agricola del quartiere era rivelata anche dai numerosi orti e dalle vigne che lo circondavano.

Il quartiere oggi si presenta con la sua parte vecchia, situata tra la via Garibaldi e il terrapieno di viale Regina Elena, caratterizzata da semplici abitazioni, che si sviluppano su uno o due piani, diverse chiese e numerose botteghe, e la parte più recente, attraversata dalla centrale e trafficata via Sonnino, con i palazzi, sorti a partire dagli anni '30 del '900, che hanno gradualmente occupato le campagne, in cui sorgevano isolati alcuni importanti monumenti, come la basilica di San Saturnino e la circostante necropoli, oggi circondati dal viavai caotico della città moderna.

Villanova è sede di due importanti arciconfraternite, impegnate in maniera particolare nei riti della settimana santa cagliaritana.

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

La Basilica di San Saturnino, dedicata al patrono di Cagliari, è la chiesa più antica della città e una delle più antiche della Sardegna

Altri edifici[modifica | modifica wikitesto]

Palazzina della ex polveriera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Galleria comunale d'arte di Cagliari.

All'estremità settentrionale del viale Regina Elena si trovano i Giardini pubblici, dove sorge la palazzina della ex Polveriera, in stile neoclassico, progettata da Carlo Pilo Boyl di Putifigari, ideatore anche dell'omonimo palazzo. La palazzina ospita la Galleria comunale d'arte di Cagliari.

Scuole "Riva"[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Garibaldi negli anni '40

In piazza Garibaldi sorge l'imponente complesso delle scuole elementari "Alberto Riva", palazzone in stile medievaleggiante costruito tra il 1912 e il 1930. L'edificio è preceduto da un terrazzino, collegato tramite alcune gradinate alla piazza sottostante. La facciata è realizzata in cotto, con basamento in pietra di Serrenti, ed è ornata da bifore e trifore. La scuola, intitolata ad Alberto Riva di Villasanta, diciottenne caduto durante la prima guerra mondiale, venne gravemente danneggiata dai bombardamenti del '43 e in seguito restaurata.

ExMà[modifica | modifica wikitesto]

In via San Lucifero si trova l'ex Mattatoio comunale, edificio realizzato alla metà del XIX secolo in stile neogotico, su progetto del capitano Domenico Barbino. Attivo nell'originaria funzione fino al 1966, il vasto complesso venne in seguito riorganizzato e oggi è da tutti conosciuto come ExMà, con funzione di centro comunale d'arte e cultura. Le mura perimetrali sono ancora oggi decorate da protomi bovine.

Legione dei Carabinieri[modifica | modifica wikitesto]

A poca distanza dall'ExMà, in via Sonnino, sorge il monumentale edificio della Legione dei Carabinieri, edificato tra il 1930 e il 1933, su progetto degli ingegneri Angelo Binagli e Flavio Scano, dalla società Ferrobeton. Il palazzo, in stile eclettico, è ornato da decorazioni destinate alla celebrazione della patria, tra cui quattro sculture bronzee raffiguranti nudi maschili, allegorie de L'Età Fascista, La Giustizia, La Nuova Giovinezza e Il Dovere, opera di Albino Manca. L'edificio è affiancato dal Parco delle Rimembranze, situato nell'angolo tra la via Sonnino e la via San Lucifero, dove si trova il Monumento ai Caduti, (1935), opera in stile razionalista di Ubaldo Badas.

Palazzina Lixi-Contini[modifica | modifica wikitesto]

Palazzina Lixi-Contini: Vista delle facciate su Via Settembrini e Via Paoli
Palazzina Lixi-Contini: Dettaglio della Gorgona, sulla facciata in Via Settembrini
Dettagli della facciata

Nell'angolo tra via Settembrini e via Paoli, quest'ultima è la via che da piazza Garibaldi conduce verso piazza San Benedetto, si trova la palazzina Lixi-Contini, che prende il nome dal progettista, l'ingegnere Gaetano Lixi Delogu (1899-1995).

La costruzione è caratterizzata dall'avere un ampio giardino che si estende lungo via Settembrini e via Leopardi.

La sua realizzazione venne completata nel 1933. La palazzina è nota soprattutto per l'elegante disegno, le rifiniture e decorazioni esterne a cui lavorò Francesco Ciusa nella costruzione originaria. Tra le decorazioni spicca la testa della Gorgona Rondanini realizzata su modelli di Bice Lixi Delogu all'atto della ricostruzione delle parti distrutte dal bombardamento del 1943.

Edifici in stile Liberty[modifica | modifica wikitesto]

A Villanova sorgono alcune palazzine e villini in stile Liberty di un certo interesse, come Palazzo Valdes, dalle facciate riccamente decorate, che sorge nel primo tratto del viale Regina Elena e fu edificato tra il 1901 e il 1915, ampliato nel 1926, danneggiato dai bombardamenti del '43 e in seguito restaurato. Interessante anche la palazzina al numero 11 di via Sonnino.

Vie e piazze[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tatiana Kirova, Franco Masala, Michele Pintus. Cagliari. Quartieri storici. Villanova. Cagliari, Silvana Editoriale, 1990. ISBN 88-366-0309-2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]