Villa Reale di Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Villa Reale (Milano))

Coordinate: 45°28′21″N 9°11′58.99″E / 45.472501°N 9.199719°E45.472501; 9.199719

Villa Reale di Milano
Milano Villa Reale vista.JPG
Villa Reale
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Indirizzo via Palestro 16
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1790-1796
Realizzazione
Architetto Leopoldo Pollack
Proprietario Comune di e Milano
 

La Villa Reale di Milano (ora Villa Comunale), già Villa Belgioioso[1] o Villa Belgiojoso Bonaparte, è una villa costruita tra il 1790 ed il 1796 dall'architetto Leopoldo Pollack, su commissione del conte Ludovico Barbiano di Belgiojoso[2]. L'edificio rivolge la propria parte posteriore, ove vi è l'ingresso per la Galleria d'Arte Moderna di Milano, verso via Palestro affacciandosi così sui giardini Indro Montanelli in zona Porta Venezia. La facciata della villa è invece rivolta verso il giardino in stile inglese sempre progettato da Leopoldo Pollack.

La Villa Reale di Milano rappresenta uno dei principali monumenti del neoclassicismo milanese. Tra le opere neoclassiche presenti nella Villa si segnalano quelle di Luigi Acquisti ed Antonio Canova.

In questo luogo è stato girato il film Un povero ricco.

La facciata della villa rivolta verso via Palestro.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Villa Reale in una foto d'epoca

Alla morte del conte Ludovico Belgioioso la villa venne comprata dalla Repubblica Italiana (1802-1805) divenendo residenza di Napoleone. Con il ritorno del governo austriaco sulla città l'edificio divenne proprietà dei Viceré austriaci e dunque a metà del XIX secolo proprietà dello Stato italiano. Nel 1920 venne acquistata dal Comune di Milano che nel 1921 vi istituì la Civica Galleria d'arte Moderna di Milano di cui tutt'oggi è ancora sede.

Nel 1951 la Villa fu affiancata dal Padiglione d'Arte Contemporanea, meglio conosciuto come PAC, costruito con lo scopo di ospitare mostre temporanee d'arte contemporanea e che negli anni ha ospitato esposizioni di artisti anche di livello internazionale.

Nella Villa Reale morì, nel 1858, il conte Joseph Radetzky.

I giardini oggi

I giardini[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giardino della Villa Belgiojoso Bonaparte.

I giardini coprono un'area di 24.000 m2 (compresa la villa).[1] Sono caratterizzati da un laghetto con perimetro sinuoso, da ponticelli, da un tempietto, e da grotte. La maggior parte delle piante risale al XIX secolo.

Furono aperti al pubblico tra il 1935 e il 1938.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Lanzani Abbà e Meda, op. cit., pag. 18
  2. ^ Milano e Provincia, Touring Club Italiano ed.2003, autori vari.
Una delle sale della villa che ospitano la Galleria d'arte moderna di Milano

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alma Lanzani Abbà, Pia Meda, Alberi a Milano, fotografie di Gabriele Lanzani et al; illustrazioni di Silvia Rovati, Milano, CLESAV - Vooperativa Libraria Editrice per le Scienze Agrarie, Alimentari e Veterinarie, giugno 1985.
  • AA. VV., Enciclopedia di Milano, Milano, Franco Maria Ricci Editore, 1997.
  • Le città d'arte: Milano, Guide brevi Skira, ed.2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura