Villa Carlotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°59′11.04″N 9°13′51.02″E / 45.9864°N 9.23084°E45.9864; 9.23084

Villa Carlotta
Villa Carlotta.jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Tremezzo
Informazioni
Condizioni In uso
 

Villa Carlotta è una villa posta a Tremezzo sul lago di Como, celebre sia per le raccolte d'arte conservate al suo interno, sia per il vasto giardino botanico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Video su villa Carlotta

La villa fu fatta costruire alla fine del 1600 dal marchese Giorgio Clerici: si presenta come un edificio di grande imponenza, ma, rispetto ai canoni dell'epoca, anche molto sobrio. È articolata in tre piani (di cui due sono oggi visitabili). Il luogo permette una vista sulla penisola di Bellagio ed anche sulle montagne che circondano il lago.

La villa divenne proprietà di Gian Battista Sommariva all'inizio del secolo XIX: si trattava di un abile politico, collezionista d'arte e amico personale di Napoleone. Con il Sommariva le raccolte d'arte si arricchirono con capolavori, soprattutto di scultura, tra cui opere di Canova e della sua scuola e di Thorvaldsen come Palamede, Amore e Psiche, Tersicore e il monumentale fregio con i Trionfi di Alessandro Magno. Nelle sale della villa giunse anche il manifesto dell'arte romantica italiana, dipinto da Hayez: l'Ultimo bacio di Romeo e Giulietta.

Le opere di arte esposte si trovano prevalentemente al piano inferiore, mentre quello superiore, dotato di una elegantissima galleria, mostra la villa prevalentemente dal punto di vista abitativo. È qui che abitava Carlotta, il personaggio che finì per dare il nome alla villa. Infatti, intorno al 1850 la costruzione divenne di proprietà dalla principessa Marianna di Orange-Nassau che la donò alla figlia Carlotta quando sposò Giorgio II, duca di Sachsen-Meiningen.

Fu merito di tale duca una cura particolare del giardino: infatti il duca, appassionato di botanica, si prodigò per lo sviluppo e l'arricchimento del giardino, che oggi è di grande pregio storico ed architettonico; nel parco sono presenti oltre 150 varietà di azalee, ma ci sono anche antiche camelie, cedri e sequoie secolari, platani ed essenze esotiche. La villa fu poi affidata ad un amministratore in quanto proprietà di un cittadino nemico, e passò in seguito ad un apposito ente che ne ha ulteriormente valorizzato il museo e i notevoli giardini.

Il giardino botanico di villa Carlotta[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Tremezzo si affaccia all'acqua con basse case a portici in uno dei punti più belli del Lario, dietro strette gradinate salgono verso le case aggrappate alla montagna, davanti lo sguardo spazia sul vasto bacino centrale del lago, sul promontorio di Bellagio, sulle rocciose Grigne e i paesini disseminati lungo la sponda orientale. Alla fine dell'abitato, sul lago, si trova la sontuosa villa Carlotta, nome dovuto a Carlotta che la ricevette come dono di nozze da sua madre, principessa Marianna di Prussia. La villa costruita in forme barocche ai primi del '700, è alla sommità di un bellissimo giardino terrazzato ricco di oltre 500 specie di piante favorite nella fioritura dalla dolcezza del clima. Nel giardino troviamo pergolati di agrumi, siepi di camelie, 150 varietà di azalee, rododendri, piante tropicali, la valle delle felci australi, palme, cedri, il giardino di bambù e conifere secolari. Al suo interno la villa accoglie opere d'arte di immenso pregio. La serra utilizzata in inverno per gli agrumi è stata trasformata in un interessante museo degli antichi attrezzi agricoli.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]