Vignemale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vignemale
Le Vignemale.jpg
Il Vignemale
Stati Francia Francia
Spagna Spagna
Regione Midi-Pyrénées flag.svg Midi-Pirenei
Flag of Aragon.svg Aragona
Provincia Blason département fr Hautes-Pyrénées.svg Alti Pirenei
Flag of Huesca (province).svg Huesca
Altezza 3.298 m s.l.m.
Catena Pirenei
Coordinate 42°46′26.79″N 0°09′02.9″W / 42.774109°N 0.150805°W42.774109; -0.150805Coordinate: 42°46′26.79″N 0°09′02.9″W / 42.774109°N 0.150805°W42.774109; -0.150805
Altri nomi e significati Pique Longue,
Pico de Camachinos, Comachibosa
Data prima ascensione 8 ottobre 1837
Autore/i prima ascensione Henri Cazaux e Bernard Guillembet
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Vignemale
Supergruppo Massiccio del Vignemale

Il Vignemale (in spagnolo Pico Viñamala), chiamato anche Pique Longue o Pico de Camachinos, è una montagna dei Pirenei, situata presso la frontiera franco-spagnola, facente parte del massiccio del Vignemale: con i suoi 3.298 è la vetta pirenaica più alta di Francia e della regione dei Midi-Pirenei[1]; è inoltre la sedicesima vetta più alta della catena dei Pirenei.

Situato ai confini del parco nazionale dei Pirenei e della riserva della Biosfera Ordesa-Viñamala[2], il monte è accessibile da Gavarnie, Cauterets e Torla; ai piedi del Vignemale passa inoltre il sentiero della GR10 e su un suo costone scorre il ghiacciaio d'Ossoue[1].

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Vignemale deriva dal dialetto guascone Vinhamala: si tratta dell'unione di due radici pre-indoeuropee, vin e mal che significano entrambe montagna. Utilizzato inizialmente per designare l'intero massiccio, fu dall'inizio del XIX secolo che i pirenaici cominciarono a chiamare così la cima più alta; gli abitanti della zona spagnola, lo chiamano, in lingua aragonese, Comachibosa.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il versante ovest

Le notizie sulla prima scalata del Vignemale sono incerte: si racconta che il 1º agosto 1792 un gruppo di pastori, incaricati da Louis-Philippe Reinhart Junker di definire le altezze delle montagne e di segnare il confine tra Francia e Spagna, posero un segnale sulla sommità del pic de Montferrat ed il giorno dopo, il 2 agosto, gli stessi pastori, misero un altro segnale sulla cima del Vignemale[3]. Solo 45 anni più tardi, l'8 ottobre 1837, si hanno notizie note sulla prima ascensione del Vignemale, compiuta da una guida di Luz-Saint-Sauveur, Henri Cazaux, con il suo miglior amico Bernard Guillembet[3]. La prima donna a scalare la montagna fu invece Anne Lister, che nel 1838, dopo una prima visita dei Pirenei nel 1830, ritornò con una sua amica ed insieme a due guide, raggiunse prima la vetta del pic du Piméné e dopo diversi giorni quella del Vignemale[3]. La prima scalata in inverno, la prima anche a livello europeo, fu compiuta l'11 febbraio 1869 da Henry Russell, accompagnati dai fratelli Passet. Il 7 agosto 1889 venne effettuata la prima scalata del Couloir de Gaube, una faglia che taglia la parete nord del massiccio del Vignemale[3].

Nel 1904 e nel 1906 fu inoltre organizzata una gara tra le guide di Gavarnie e quelle di Cuaterets: il percorso prevedeva la partenza da Cauterets, la risalita della valle del Gaube, la scalata del ghiacciaio d'Ossoue, fino a raggiungere la cima del Pique Longe, per poi riscendere attraverso il colle di Labassa, il lago d'Estom, la valle di Lutour, fino nuovamente a Cauterets. La maggior parte dei partecipanti compì il percorso a piedi nudi e il vincitore delle due edizioni fu Jean-Marie Bordenave che impiegò la prima volta sei ore ed un minuto, la seconda cinque ore e trentasette minuti[3].

Il clima del Vignemale è di alta montagna, sub-oceanico: nonostante non sia presente una stazione meteorologica, si stima che la temperatura si aggira tra i -11 nel mese di febbraio e i +2 in quello di agosto. Le precipitazioni sono essenzialmente nevose e la neve persiste per tutto l'anno, alimentando due ghiacciai. La cima della montagna è appuntita ed è ben visibile da numerose cime dei Pirenei, nonché da Lourdes.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dati sul Viagnemale. URL consultato il 25-10-2011.
  2. ^ La riserva della Biosfera Ordesa-Viñamala. URL consultato il 25-10-2011.
  3. ^ a b c d e Le scalate del Viagnemale. URL consultato il 25-10-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]