Victor Wong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Victor Wong (San Francisco, 30 luglio 1927Locke, 12 settembre 2001) è stato un attore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Victor Wong nacque a San Francisco e studiò scienze politiche e giornalismo alla University of California e teologia alla University of Chicago. Tornato a San Francisco Wong frequentò il San Francisco Art Institute.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo una breve e sfortunata carriera nel giornalismo Wong si dedicò interamente alla recitazione debuttando nei teatri asiatici e in seguito nei grandi palcoscenici di New York City. In ottobre del 1980 Wong fondò la Asian American Theater Company (AATC) debuttando a San Francisco nello spettacolo Paper Angels di Genny Lim.

Il lavoro nei teatri gli valse il passaggio al cinema nella seconda metà degli anni ottanta, rendendolo uno degli attori caratteristi asiatici più famosi al pari di Pat Morita. Il suo primo ruolo in un film importante fu nella commedia Il bambino d'oro con Eddie Murphy, in seguito si affermerà lavorando con registi del calibro di John Carpenter (Grosso guaio a Chinatown e Il signore del male), prenderà parte al "cult" di serie B Tremors e reciterà per Bernardo Bertolucci ne L'ultimo imperatore.

Negli anni novanta prenderà parte al film Tre ragazzi ninja interpretando il ruolo del nonno dei protagonisti. Il film godrà di un certo successo fra i giovani ed i bambini e darà vita ad una serie, Wong riprenderà il suo ruolo in tutte le pellicole.

Nel 1997 reciterà per Jean-Jacques Annaud in Sette anni in Tibet al fianco di Brad Pitt e l'anno successivo prenderà parte al quarto film della serie dei Ragazzi ninja, questo è l'ultimo film della sua carriera in quanto si ritirerà dal mondo del cinema per via dei due infarti subiti.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Il 12 settembre 2001 a 74 anni, si spegne per via di un altro attacco cardiaco. La sua morte è collegata alla distruzione del World Trade Center, evento che lo aveva sconvolto a tal punto da causare, con ogni probabilità, l'infarto fatale che lo colse proprio durante una vera e propria maratona televisiva di notiziari e aggiornamenti che l'attore stava seguendo ininterrottamente dal giorno precedente[2].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Accreditato[modifica | modifica sorgente]

Non accreditato[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chang, L: Remembering Our Merry Prankster Asian Week, 2001
  2. ^ Victor Wong

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 76515725 LCCN: n78008901