Vicino Orsini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vicino Orsini
Vicino orsini.jpg
Heraldic Crown of Spanish Lords.svg

Signore di Bomarzo

In carica 1542-1585
Nome completo Pierfrancesco II Orsini
Trattamento Signore
Nascita Roma, 4 luglio 1523
Morte Bomarzo, 28 gennaio 1585
Sepoltura Chiesa di Santa Maria Assunta a Bomarzo
Dinastia
Blason fam it Orsini 02.svg

Orsini

Padre Gian Corrado Orsini
Madre Clarice Orsini
Figli Corradino, Marzio
Religione Cattolicesimo

Pierfrancesco II Orsini, detto Vicino (Roma, 4 luglio 1523Bomarzo, 28 gennaio 1585), è stato signore di Bomarzo dal 1542 al 1585. Dopo la carriera militare che lo vede impegnato dal 1545 al 1557, si ritira a vita privata nel suo palazzo di Bomarzo. È conosciuto soprattutto come committente del Sacro Bosco, oggi identificato con il nome di Parco dei Mostri, un complesso monumentale di sculture e fontane dalle caratteristiche peculiari che lo differenziano dai giardini coevi, fatti realizzare nei dintorni da altri signori, come Villa d'Este a Tivoli, Villa Lante a Bagnaia o il giardino di Palazzo Farnese a Caprarola.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La giovinezza[modifica | modifica sorgente]

"Giovane che sfoglia un libro",
di Lorenzo Lotto: presunto ritratto di Vicino Orsini[1](Accademia di Venezia)

Vicino Orsini[2] nasce a Roma il 4 luglio del 1523 nella parrocchia di Santa Maria in Traspontina[3] da Gian Corrado Orsini, signore di Bomarzo e da Clarice Orsini, figlia del cardinale Franciotto Orsini signore di Monterotondo. Non ci sono finora notizie sulla sua infanzia. Il testamento del padre del 1526 affida il tutorato dei figli minori Pierfrancesco e Maerbale al maggiore Girolamo ma già due anni dopo le fonti cessano di nominare Girolamo, probabilmente già morto, e i bambini sono affidati al patronato dell'Abate di Farfa.

Negli anni '39-'40 Vicino è a Venezia dove frequenta il circolo letterario legato all'editore Giolito che annovera i poeti Giuseppe Betussi, Francesco Maria Molza e Franceschina Baffo. Il Betussi e la Baffo gli dedicheranno anche dei versi. Negli stessi anni a Venezia conosce una giovane romana di cui si innamora, Adriana dalla Roza. A causa di una rissa viene allontanato da Venezia e fa ritorno nel Lazio, dove Adriana lo segue. Nel 1541 è a Viterbo, dove assiste come dedicatario alla rappresentazione teatrale della Cangiaria, commedia attribuita a Sacco da Viterbo, forse identificabile con il medico Girolamo Sacchi[4]. Il cardinale Alessandro Farnese il Giovane è arbitro nel 1542 della fase finale della controversia ereditaria aperta alla morte di Gian Corrado fin dal 1535 ed assegna a Vicino i feudi di Bomarzo, Collepiccolo, Castelvecchio, Montenero e Mompeo, mentre il fratello Maerbale riceve Chia, Penna, Giove, Collestatte, e Torreorsina. Maerbale deciderà di risiedere a Penna e Vicino a Bomarzo.

Il matrimonio e la carriera militare[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma degli Orsini

Nel 1544 sposa Giulia Farnese, figlia di Galeazzo, signore di Latera, imparentandosi così con la famiglia del cardinale Alessandro, al quale resterà sempre legato, e quindi con l'allora pontefice Paolo III.

Palazzo Orsini a Bomarzo

A parte la sua dubbia partecipazione all'assedio di Perpignan, la carriera militare inizia nel 1545 quando Paolo III lo vuole fra i consulenti per la progettazione delle fortificazioni di Borgo, occasione in cui è ricordato con Torquato Conti, signore di Poli, che diverrà suo cognato, e in cui forse ha modo di conoscere Michelangelo. Nel 1546 è al seguito delle truppe pontificie di rinforzo all'esercito dell'Imperatore Carlo V nella guerra contro i principi protestanti riuniti nella lega di Smalcalda. Fatto prigioniero, è liberato nel 1547, come testimonia la lapide del pozzo alla base della chiesa di Santa Maria Assunta a Bomarzo, fatto costruire da Giulia Farnese come voto per la liberazione del marito. Successivamente, segue le sorti della politica farnesiana, in difficoltà dopo la morte di Paolo III.[5]

Nel 1552 è a Bomarzo,come attesta l'iscrizione situata nel Sacro Bosco, ma già l'anno successivo è al fianco di Orazio Farnese, duca di Parma, e fratello del cardinale Alessandro, con cui partecipa ad una fase del continuo scontro tra la Francia e l'Impero, dalla parte dei francesi. Nello stesso 1553, durante l'assedio di Hesdin dove i francesi erano asserragliati, Orazio Farnese viene ucciso e Vicino cade prigioniero insieme con Torquato Conti e lo resterà per circa due anni, riuscendo a rientrare a Bomarzo solo nel 1556, dopo la pace di Cateau-Cambresis.

Negli ultimi anni della carriera militare, è al servizio di papa Paolo IV come comandante della fanteria di Velletri. Durante la "guerra d'Italia" del 1556-57 che oppone il papa al viceregno spagnolo di Napoli, è testimone della distruzione del paese di Montefortino, oggi Artena, ordinata dallo stesso pontefice[6]. Gli abitanti erano passati, insieme con il signore locale, appartenente alla famiglia Colonna, dalla parte degli spagnoli uccidendo in un agguato cento fanti appartenenti proprio al reparto al comando di Vicino. La reazione di Paolo IV è violenta: ordina al comandante della cavalleria Giulio Orsini di espugnare e distruggere il borgo e giustiziare tutti gli abitanti, rei di tradimento. Non si conosce il ruolo preciso di Vicino nell'operazione, ma sembra che non partecipasse all'assedio, entrando a Montefortino solo dopo che Giulio aveva eseguito l'ordine del pontefice. Horst Bredekamp e Maurizio Calvesi ritengono che la crudeltà dell'accaduto abbia negativamente impressionato Vicino e abbia influenzato, se non determinato, il suo ritiro dalla vita militare. Alla fine del 1557, infatti, Vicino lascia il comando di Velletri. L'ultima sua azione di qualche rilevanza politica è la mediazione che compie a Firenze nel 1558 per il matrimonio di Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano, suo parente, con Isabella de' Medici, figlia del granduca di Toscana Cosimo I.[7]

Vicino dimora abitualmente nel Palazzo Orsini a Bomarzo, il cui progetto era stato commissionato dal padre, nel 1519, a Baldassarre Peruzzi. Nel 1547 fa realizzare all'architetto Pirro Ligorio il Sacro Bosco che dedica alla moglie scomparsa.

I suoi ritratti, oltre all'affascinante presunta attribuzione del Giovane che sfoglia un libro di Lorenzo Lotto,[8] si limitano soprattutto alla medaglia dello scultore toscano Pastorino dei Pastorini (1508-1592) che ne raffigura il profilo, conservata al British Museum di Londra: nel 2004 l'artista Vezio Paoletti ha riprodotto l'opera in dimensioni maggiori, ora esposta nel Palazzo Orsini.

Pierfrancesco Orsini muore il 28 gennaio 1585, all'età di 65 anni, a Bomarzo, ed è sepolto nella chiesa di Santa Maria Assunta.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sacro Bosco.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mujica Lainez, p.20
  2. ^ I dati biografici sono riscontrabili in massima parte in Bredekamp 1989 e Calvesi 2000, cui si rimanda per le fonti antiche originali (vedi bibliografia per il riferimento in forma estesa), passim
  3. ^ Giuseppe Zander, Gli elementi documentari sul Sacro Bosco in "Quaderni dell'Istituto di Storia dell'Architettura", n. 7-8-9, Roma, 1955, p.30
  4. ^ Quirino Galli (a cura di), La Cangiaria, Agnesotti, Viterbo, 1972, p.41
  5. ^ Bredekamp, p. 60
  6. ^ Vittorio Aimati, Arato e seminato col sale, Ful.Vi.A. editrice, Artena, 2001, p.41
  7. ^ Mujica, p. 180
  8. ^ Mujica Lainez, p.21

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • K. Bredekamp-W. Janzer, Vicino Orsini e il Sacro Bosco di Bomarzo, Roma 1989.
  • S. Frommel-A. Alessi, Bomarzo: Il Sacro Bosco, Milano 2009.
  • M. Mujica Lainez, Bomarzo, Milano 1967.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 67930277 LCCN: n85371761

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie