Vichingo-gaelici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I vichingo-gaelici erano un popolo che dominò sulla maggior parte della regione del mare d'Irlanda e della Scozia occidentale, per gran parte del Medio Evo, come risultanza del sincretismo culturale tra gli invasori scandinavi e i gaelici.

Questa popolazione nacque dalla gaelicizzazione dei coloni vichinghi presenti in Irlanda e Scozia, processo che cominciò agli inizi del IX secolo attraverso matrimoni misti e l'adozione della lingua e dei costumi gaelici. Crearono molti regni, come quelli di Man, di Argyll, di Dublino, di York e di Galloway. Il loro dominio durò fino all'arrivo dei normanni. I signori delle isole, una signoria che durò fino al XVI secolo, come anche altri sovrani gaelici di Scozia e Irlanda, si facevano discendere dai vichingo-gaelici. Questi ultimi sono ricordati come alleati dei figli di Harold Godwinson nelle battaglie combattute contro i normanni tra il 1069 e il 1070.

Gli insediamenti inglesi di questo popolo, che migrò dall'Irlanda, erano concentrati nel nord-ovest dell'Inghilterra, arrivando fino a Lake District, Arnside, Silverdale, Howgill Fells e Yorkshire Dales. Gli insediamenti non furono invece massicci nel Cheshire e non si sa se fossero giunti fino al Dunoting.

Come schiavi, servitori e mogli degli scandinavi, i vichingo-gaelici erano presenti anche in Islanda e nelle isole Fær Øer. Erano chiamati Vestmen, nome che nelle Fær Øer è rimasto nella Vestmanna e in Islanda nel Vestmannaeyjar.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • John Haywood, The Penguin Historical Atlas of the Vikings, London, Penguin, 1995, ISBN 0-14-051328-0.
  • R. Andrew McDonald, The Kingdom of the Isles: Scotland's Western Seaboard, c.1100-c.1336, East Linton, Tuckwell Press, 1997, ISBN 1-898410-85-2.
  • Dáibhí Ó Cróinín, Early Medieval Ireland, 400-1200, London, Longman, 1995, ISBN 0-582-01566-9.
  • Richard Oram, The Lordship of Galloway, Edinburgh, John Donald, 2000, ISBN 0-85976-541-5.
  • Ron Scholes, Yorkshire Dales, Derbyshire, Landmark, 2000, ISBN 1-901522-41-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]