Vibratore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo stimolatore erotico, vedi Vibratore (sessualità).
Vibratore

Il vibratore è un'apparecchiatura in grado di generare vibrazioni.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Solitamente è composto da un motore elettrico sul cui albero è calettata una massa eccentrica, la rotazione della massa eccentrica genera le vibrazioni. Dove la frequenza delle vibrazione, viene regolata modificando la velocità di rotazione dell'albero motore, mentre l'intensità viene definita dall'eccentricità e dal peso della massa.

Uso[modifica | modifica wikitesto]

I vibratori vengono usati per:

  • Omogeneizzare dei fluidi (per esempio, gettate di calcestruzzo) oppure per separare materiali (setacci)
  • Dare una maggiore interattività tra macchina e uomo (come nel caso dei cellulari o joystick).
    Questo strumento ha ottenuto molta popolarità negli ultimi anni, di pari passo con la diffusione dei telefonini, i quali ormai vengono abitualmente dotati di un vibratore che consente, vibrando nella tasca dell'interessato, di segnalare una chiamata o un messaggio senza disturbare terzi con suoni.
    Un'altra recente applicazione si può trovare in molti joystick e periferiche di gioco, dove la vibrazione (chiamata spesso force-feedback) consente di comunicare al giocatore delle informazioni di gioco; ad esempio, in un videogioco di guida, se l'auto esce di pista andando sull'erba il joystick o il volante vibreranno, simulando ancora meglio la discontinuità del terreno e le difficili condizioni di controllo della vettura fuori pista.
  • Nei giocattoli sessuali denominati vibratori.
  • Nei vibratori industriali, le macchine usate per convogliare e orientare piccoli oggetti ammucchiati alla rinfusa, per rifornire processi di assemblaggio, imballaggio o produzione industriale. Queste macchine fanno "camminare" i pezzi lungo un tragitto (ad esempio un percorso a spirale in uscita da una tramoggia) grazie ad una frequenza di vibrazione caratteristica del pezzo stesso. L'orientamento viene ottenuto attraverso barriere o "botole" che scartano i pezzi orientati male, facendoli tornare nel mucchio di partenza.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]