Vettore di Burgers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rappresentazione del vettore di Burgers.

In scienza dei materiali, il vettore di Burgers, è un mezzo per caratterizzare, in un cristallo, l'orientazione e l'intensità di una dislocazione. In particolare il vettore è perpendicolare o parallelo alla linea di dislocazione, a seconda che la dislocazione sia a spigolo o a vite, e di ampiezza pari alla più piccola distanza di spostamento degli atomi.

Il calcolo del vettore[modifica | modifica wikitesto]

Il vettore di Burgers si individua mediante la così detta "circuitazione di Burgers" che si ottiene come segue:

  1. si sceglie il punto del cristallo nel quale si vuole misurare il vettore;
  2. si sceglie una direzione arbitraria ed in quella direzione si contano un certo numero di passi reticolari;
  3. si sceglie poi un'altra direzione ortogonale alla precedente e ci si sposta dello stesso numero di passi reticolari;
  4. si sceglie poi un'altra direzione ortogonale alla precedente e parallela a quella iniziale ma di verso opposto e ci si sposta dello stesso numero di passi reticolari
  5. si sceglie poi un'altra direzione ortogonale alla precedente e parallela a quella scelta al punto 2 ma di verso opposto e si cerca quindi di chiudere il quadrato muovendosi sempre dello stesso numero di passi raggiungendo il punto finale;
  6. il vettore di Burgers è il vettore che unisce il punto iniziale a quello finale.

Se il punto finale coincide con quello iniziale e quindi il vettore di Burgers è nullo, allora il cristallo è privo di difetti lineari.