Vettor Giusti del Giardino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Vettor Giusti del Giardino
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Vettor Giusti Del Giardino.PNG
Luogo nascita Padova
Data nascita 29 dicembre 1855
Luogo morte Venezia
Data morte 12 febbraio 1926
Legislatura XXIV
Pagina istituzionale
Heraldic Crown of Spanish Count.svg
Vettor Giusti del Giardino
Conte di Gazzo
In carica  ? –
12 febbraio 1926
Predecessore Girolamo Giusti del Giardino
Successore Titolo estinto



Trattamento Sua Eccellenza
Altri titoli Nobile
Dinastia Giusti del Giardino
Padre Girolamo Giusti del Giardino
Madre Laura Pisani
Consorte Giulia Bianchini d'Alberigo
Religione cattolicesimo

Vettor Giusti del Giardino (Padova, 29 dicembre 1855Venezia, 12 febbraio 1926) è stato un politico italiano.

Proveniva da una famiglia di antica nobiltà, coinvolta nella vita politica dei periodi liberale e fascista: suoi cugini erano Giovanni Giusti del Giardino, eroe di guerra e poi vicepodestà di Verona, e Francesco Giusti del Giardino, podestà di Padova e in seguito senatore del Regno.

Sindaco di Padova (1890-1893 e 1897-1899), divenne senatore il 30 dicembre 1914 essendo relatore Antonino di Prampero. La nomina fu convalidata il 18 marzo 1915 e giurò il 20 marzo dello stesso anno.

È noto in quanto, sul finire della Grande Guerra, ospitò nella sua villa padovana re Vittorio Emanuele III; nella stessa venne firmato l'armistizio che sancì la vittoria dell'Intesa sugli Imperi Centrali.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grand'ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro