Vetrocemento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Facciata dell'Hermès Store di Renzo Piano, a Tokyo

Il vetrocemento è un materiale da costruzione, utilizzato per creare pareti o solai semi-trasparenti, tali da permettere il passaggio della luce, senza compromettere la privacy.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il vetrocemento nasce agli inizi del XX secolo, in stretta relazione con lo sviluppo industriale: data la sua robustezza, combinata alla trasparenza, veniva, infatti, spesso utilizzato per illuminare capannoni ed edifici industriali. A lungo ritenuto un materiale "povero", è stato riscoperto recentemente per la sua versatilità, e utilizzato diffusamente anche da grandi nomi dell'architettura in edifici di rilievo.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il vetrocemento si compone di vetromattoni legati tra di loro mediante giunti di cemento armato. I vetromattoni sono a loro volta composti da due formelle di vetro pressate tra di loro, che creano così una camera d'aria, impermeabile ed isolante. Il vetrocemento, inoltre, può essere colorato.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]