Vestito bianco a fiori Givenchy di Audrey Hepburn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vestito bianco a fiori Givenchy di Audrey Hepburn
Tipo di abito Abito da cocktail
Colore  Bianco con fantasie floreale
Stilista Hubert de Givenchy
Anno di presentazione 1954
Evento di presentazione Premi Oscar 1954
Riconoscimenti Il secondo abito più iconico di tutti i tempi, secondo un sondaggio di Debenhams

Il vestito bianco a fiori di Givenchy indossato da Audrey Hepburn in occasione della 26ª edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar il 25 marzo 1954 a Los Angeles è considerata una delle creazioni più celebri dello stilista francese ed in generale uno degli abiti più celebri di sempre.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Audrey Hepburn era molto amica dello stilista francese Hubert de Givenchy, a cui si riferiva come al suo "migliore amico", mentre lui considerava l'attrice sua "sorella".[1] I due si erano incontrati quando Givenchy aveva realizzato i costumi per il film Sabrina del 1954, che vedeva protagonista la Hepburn. Lo stilista aveva offerto alla Hepburn a scegliere alcuni abiti della sua collezione, e da quel momento iniziò fra loro una duratura relazione professionale, che avrebbe visto l'attrice scegliere l'etichetta Givenchy in tutti i suoi film successivi.[1] Quando Audrey Hepburn giunse per la prima volta nello studio di Givenchy indossando t-shirt e sandali, era una giovane attrice alle prime armi. Lui all'epoca l'aveva confusa con la celebre Katharine Hepburn, per la quale aveva disegnato alcuni vestiti. Givenchy disegnò per l'attrice numerosi vestiti, fra cui i costumi di sette dei suoi film più celebri.[2][1] L'abito bianco a fiori indossato per la 26ª edizione della cerimonia di premiazione degli Oscar segnò la prima occasione in cui Audrey Hepburn si mostrò in pubblico con una creazione di Givenchy.[1] Il vestito divenne così popolare nel corso degli anni che fu oggetto di numerose imitazioni e duplicati.[3]

Design[modifica | modifica sorgente]

L'abito bianco realizzato da Hubert de Givenchy era caratterizzato da un motivo floreale. L'abito era senza spalline e dotato di una cintura in tinta[1], che metteva in evidenza la figura sottile dell'attrice.

Ricezione[modifica | modifica sorgente]

Il vestito, così come il successivo tubino nero indossato nel film Colazione da Tiffany è citato come uno degli abiti più celebri del ventesimo secolo. Un sondaggio condotto da Debenhams, e pubblicato nel Daily Telegraph, ha nominato l'abito come il secondo abito più iconico di tutti i tempi.[4] Il Time Magazine l'ha invece nominato come il migliore abito della storia presentato agli Oscar.[1] Dopo la cerimonia degli Oscar, una recensione dell'abito di Givenchy indossato dalla Hepburn si intitolava "È una garanzia".[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) THE MUSE AND THE MASTER, Time magazine, 17 aprile 1995. URL consultato il 16 maggio 2011.
  2. ^ (EN) Karen Quinn, Holly Would Dream, Simon and Schuster, 3 giugno 2008, pp. 96–, ISBN 978-1-4165-7312-8. URL consultato il 17 maggio 2011.
  3. ^ (EN) Disney debuts movie princess-inspired wedding gowns, Shine from Yahoo. URL consultato il 17 maggio 2011.
  4. ^ (EN) Urmee Khan, Liz Hurley 'safety pin' dress voted the greatest dress in The Telegraph, 9 ottobre 2008. URL consultato il 16 maggio 2011.
  5. ^ (EN) Reeve Chace, The Complete Book of Oscar Fashion: Variety's 75 Years of Glamour on the Red Carpet, Reed Press, ottobre 2003, ISBN 978-1-59429-001-5. URL consultato il 17 maggio 2011.
moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda