Verteneglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Verteneglio
comune
(HR) Brtonigla
(IT) Verteneglio
Verteneglio – Stemma Verteneglio – Bandiera
Vista su Verteneglio
Vista su Verteneglio
Localizzazione
Stato Croazia Croazia
Regione Grb Istarske županije.svg Istria
Amministrazione
Sindaco Doriano Labinjan
Territorio
Coordinate 45°22′N 13°37′E / 45.366667°N 13.616667°E45.366667; 13.616667 (Verteneglio)Coordinate: 45°22′N 13°37′E / 45.366667°N 13.616667°E45.366667; 13.616667 (Verteneglio)
Altitudine 140 m s.l.m.
Superficie 32,17 km²
Abitanti 1 607 (31-03-2011, Censimento 2011)
Densità 49,95 ab./km²
Frazioni Fiorini  · Carigador  · Villanova del Quieto  · Radini
Altre informazioni
Lingue croato / italiano
Cod. postale 52474
Prefisso (+385)052
Fuso orario UTC+1
Targa PU
Nome abitanti verteneanti
Patrono San Rocco
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Verteneglio
Confini comunali rispetto alla regione
Confini comunali rispetto alla regione
Sito istituzionale

Verteneglio (in croato Brtonigla, in veneto Vertenejo) è un comune di 1.607 abitanti della Croazia situato nella parte settentrionale dell'Istria, vicino al fiume Quieto, costruito su un antico castelliere preistorico.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Coltivazione di vite durante l'inverno nei pressi di Verteneglio

Verteneglio in precedenza faceva parte del comune di Buie, che si trova immediatamente a nord, a sud il fiume Quieto segna il confine. Il paese di Verteneglio in origine era collocato in cima ad un cucuzzolo ma col tempo si è esteso sui fianchi occupando l'intera la collina. La zona è adatta all'agricoltura. Vi si produce vino, grano, mais, olio e verdure. È distante a nord-est circa 3 km da Buie (Buje, che anticamente fu anche sede del comune, del tribunale e del catasto), mentre è distante a sud-ovest circa 4 km dal mare. La località marina più vicina è Carigador.

Le estati si presentano lunghe e asciutte, mentre gli inverni sono miti e gradevoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'XI secolo si insediarono nella zona veneti, provenienti dalla Repubblica di Venezia e nel XVI e XVII secolo dalla Dalmazia e dai Balcani giunsero e si insediarono diverse famiglie contadine. Fece parte della Serenissima Repubblica di Venezia e poi dell'Impero austro-ungarico. Nel XIX secolo Verteneglio entrò a far parte del Regno d'Italia, controllato da Napoleone Bonaparte, per poi tornare sotto il dominio asburgico. Dopo la prima guerra mondiale e quindi il trattato di Rapallo il paesino entrò a far parte dell'Italia, periodo nel quale il Verteneglio conobbe il suo massimo sviluppo demografico e economico. Dopo la seconda guerra mondiale passò sotto il Territorio libero di Trieste e fece parte della Zona B. Successivamente passò sotto alla Jugoslavia. La popolazione italiana per sfuggire alla pulizia etnica messa in atto dai sodati comunisti slavi fu coinvolta nell'esodo. Dopo il 1991, passò sotto la Croazia, della quale fa ancora parte.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma storico (a sinistra) e lo stemma attuale (a destra) Lo stemma storico (a sinistra) e lo stemma attuale (a destra)
Lo stemma storico (a sinistra) e lo stemma attuale (a destra)

Il simbolo della cittadina divenne ufficiale per la prima volta durante il periodo di sovranità italiana (1920-1945). Il simbolo allora era composto da una cornice ovale la quale racchiude un campo verde attraversato da due strade di colore rosso scuro che si incrociano nal centro dello stemma ed il mare (verso la parte bassa dello stemma)[1]

lo stemma che viene usato dall'indipendenza della Croazia copia perfettamente l'antico stemma, tranne il mare che è stato spostato verso l'alto. Tutto è racchiuso in una cornice bianca.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Verteneglio fu citato per la prima volta nel 1234, con l'antico nome Ortoneglo o Hortus Niger, ovvero orto di terra nera.[2]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Zenone

Chiesa di San Zenone

La chiesa parrocchiale di Verteneglio si chiama San Zenone, vescovo di Verona e patrono della cittadina. Il soffitto della chiesa è piatto, l'abside poligonale, e le pareti laterali sono decorate da altari di marmo realizzati secondo i principi del neobarocco. Sulla facciata, di colore giallo ci sono due grandi finestre poste ai lati. Sopra l'entrata si alza un alto campanile rosso, ed ai lati del tetto ci sono due piccole guglie.

La chiesa fu edificata tra il 1859 e il 1861 sulle fondamenta dell'omonima chiesa più antica che datata intorno al 1480. [3]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Foto del parco naturale Scarlini
 
Foto del parco naturale Scarlini
Foto del parco naturale Scarlini

Parco naturale Scarlini

Il parco naturale di Scarlini è una riserva che si trova a due chilometri da Verteneglio. Prende il nome dal ruscelletto Scarlini, il quale sfocia nel fiume Quieto. All'interno del parco il ruscello ristagnando in una piccola conca forma un lungo stagno di colore verde.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è bilingue; Verteneglio infatti è il secondo comune istriano - dopo Grisignana - in termine di percentuale di abitanti di lingua italiana. Fino a prima della pulizia etnica e dell'esodo la popolazione di etnia italiana era tra il 98 ed il 100% del totale.

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Censimento Croazia 2001
52,82% madrelingua croata
41,29% madrelingua italiana
2,47% madrelingua slovena
1,52% madrelingua albanese

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

(solo a Verteneglio, non sono comprese le frazioni minori)


Abitanti censiti

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Religioni nel comune di Verteneglio
Cristianesimo cattolico
  
85%
Atei
  
4%
Musulmani
  
3%
Non credenti
  
4%
Ortodossi
  
2%

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Via Giuseppe Garibaldi, a Verteneglio

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Verteneglio è diviso in diverse frazioni:

Persone legate a Verteneglio[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Alberi, Istria - Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trieste, ISBN 88-8190-158-7.
  • Fabio Amodeo, Tutto Istria, Lint Editoriale, Trieste.
  • AA. VV., Istria, Cherso, Lussino, guida storico artistica, Bruno Fachin Editore, Trieste.
  • Gaetano Longo (disegni di Aldo Bressanutti), Terra d'Istria, Lint Editoriale, Trieste.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Verteneglio, foto e stemma.
  2. ^ Verteneglio. URL consultato l'8 agosto 2014.
  3. ^ associazionedellecomunitaistriane.it, Verteneglio.