Versioni della Bibbia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le relazioni tra i vari manoscritti antichi del Vecchio Testamento, secondo l'Encyclopaedia Biblica. Le linee azzurre tratteggiate indicano i testi che sono stati utilizzati per correggere la fonte principale. Le lettere isolate sono le sigle standard che designano i manoscritti particolarmente significativi:
א = Codex Sinaiticus
A = Codex Alexandrinus
B = Codex Vaticanus
Q = Codex Marchalianus
Inoltre, le abbreviazioni standard:
MT = Testo masoretico
LXX = Septuaginta - in questo diagramma indica la versione originale della Septuaginta (in rapporto alle Luciano, Esichio, Esaplare, A, B, א, etc., vale a dire il Vecchio Testamento/Bibbie ebraiche che comunemente sono chiamate anche Septuaginta).

Le traduzioni o versioni della Bibbia possono essere suddivise in due categorie: quelle antiche, importanti soprattutto per la critica testuale, e quelle moderne, che spesso hanno avuto un influsso considerevole nella letteratura e nella lingua in cui furono tradotte.

Qui di seguito sono elencate le principali versioni (abbreviazioni: BE Bibbia ebraica, DC Deuterocanonici, NT Nuovo Testamento):

Versioni antiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Pentateuco samaritano (Torah e Giosuè). Fissato nel IV secolo a.C., non si tratta propriamente di una traduzione, essendo scritto anch'esso in ebraico, ma differisce notevolmente dal testo masoretico canonico.

Aramaico-siriaco[modifica | modifica wikitesto]

Versioni siriache della Bibbia:

Greco[modifica | modifica wikitesto]

Latino[modifica | modifica wikitesto]

  • Vetus latina (BE+DC+NT) La più antica versione della Bibbia in latino è detta Vetus latina ed è la traduzione della versione dei Settanta, il traduttore non è noto ma si ipotizza che non sia opera di una sola persona e che sia stata scritta in diversi periodi di tempo.
  • Vulgata (BE+DC+NT) Sofronio Eusebio Girolamo fece una traduzione in latino, detta Vulgata a partire dai testi in lingua ebraica, in quanto aveva dei dubbi sulla versione dei Settanta, comunque per volere della Chiesa del tempo inserì anche i testi deuterocanonici, mantenendo per questi la versione della Vetus latina.

Altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Versioni moderne[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione della Bibbia in una lingua moderna pare essere quella pubblicata in italiano nel 1471 da Nicolò Malermi, dopo che, nel periodo dal XIII al XV secolo, si è assistito, sempre in Italia, alla produzione di parziali traduzioni in volgare del testo biblico[1].

Attualmente, secondo dati del 2009 forniti dall'Alleanza Biblica Universale la Bibbia è stata tradotta per intero o parzialmente in 2.508 lingue. Le lingue principali del mondo sono 3.000, ma se ne contano fino a 6.700. Sempre nel 2009 l'Alleanza Biblica Universale sta coordinando la traduzione in circa 500 lingue.

Italiano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traduzioni della Bibbia in italiano.

Le traduzioni in italiano più antiche, manoscritte e parziali, risalgono al XIII secolo. Di seguito sono riportate solo alcune delle numerosissime edizioni a stampa.

Tra le traduzioni recenti, realizzate quasi sempre sui testi originali, quelle attualmente più diffuse e usate sono:

  • Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture 1967 (tradotta dalla versione inglese che basa il testo greco sul The New Testament in the Original Greek di Westcott e Hort e quello ebraico su la Biblia Hebraica di Rudolph Kittel), riveduta nel 1987 (versione dei testimoni di Geova).
  • Bibbia CEI (Editio Princeps 1971, revisione 1974, revisione NT 1997, Nuova Bibbia CEI 2008): usata nella liturgia cattolica della messa in Italiano, mentre nella messa in latino il testo liturgico è la Vulgata di san Girolamo.
  • Nuovissima versione della Bibbia, Edizioni Paoline, curata da un gruppo di biblisti (1967-1980).
  • Bibbia TILC (Traduzione Interconfessionale in Lingua Corrente 1985, con revisione NT 2000), frutto di un lavoro di collaborazione interconfessionale tra cattolici e protestanti.
  • Bibbia di Gerusalemme. 1986 (Riporta il testo della Bibbia CEI 1971 e solo le note della celebre versione francese.)
  • Bibbia TOB. (1992 Elledici) testo CEI 1971 e note dalla bibbia francese "Traduction Oecuménique de la Bible" (1987) scritta puntando all'esegesi.
  • I libri di Dio, Oscar Mondadori, 2000, 6 voll. È opera di un gruppo di giovani docenti e ricercatori di varie università pontificie.
  • Bibbia TINTI (Traduzione INTerlineare Italiana). Finora pubblicati Esodo, Genesi, Salmi, Profeti Minori, Isaia, Megillot, Giosuè Giudici, Deuteronomio. A cura di Roberto Reggi. EDB, 2001-2008
  • Bibbia Ebraica Interlineare. Finora pubblicati Esodo, Deuteronomio, Levitico, Numeri, Genesi. A cura di Piergiorgio Beretta. San Paolo, 2001-2006.
  • Collana La Sacra Bibbia. Edita da Marietti tra il 1947-1960, fu coordinata da Salvatore Garofalo (m. 1999), professore di Sacra Scrittura presso la Pontificia Università Urbaniana di Roma. Tra gli studiosi è solitamente indicata con la dicitura Bibbia Garofalo. È corredata con amplissime note storico-esegetiche.

Francese[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traduzioni della Bibbia in francese.

Le più antiche traduzioni di alcuni libri biblici (Salmi, Apocalisse, Re) in francese arcaico appaiono nel VII secolo.

  • La traduzione francese più antica e ampia, seppure incompleta, è quella realizzata da Jean le Bon (il buono), dell'università di Parigi tra il 1226-1250. Si basa sulla Vulgata latina.
  • Nel 1377 il teologo Raoul de Preslés dedicò una traduzione al re Carlo V. Anch'essa si basava sulla Vulgata.
  • Jacques Lefèvre d'Étaples realizzò la prima edizione a stampa pubblicata ad Anversa (1523-8). L'Antico Testamento si basava sulla Vulgata, mentre per il Nuovo Testamento alla base offerta dalla stessa Vulgata si affiancava il confronto con i testimoni greci.
  • Il riformato calvinista Pierre Robert, detto Olivetano, pubblicò nel 1535 fu la prima traduzione francese completamente svincolata dalla Vulgata, basato dunque direttamente sui manoscritti ebraico-aramaici e greci. Presenta una prefazione latina di Giovanni Calvino.
  • Nel 1550 Nicholas de Leuze e François de Larben pubblicarono a Lovanio una traduzione basata sulla Olivétan e confrontata con quella di Jacques Lefèvre d'Étaples. Rappresentò per secoli la versione di riferimento per i cattolici francesi.
  • La traduzione giansenista di Port-Royal fu realizzata tra il 1657-96 sotto la direzione di Louis Isaac Lemaistre, con la collaborazione tra gli altri di Blaise Pascal.
  • La traduzione di Louis Segond (1871 AT, 1880 NT) è tuttora fondamentale in ambito protestante. È realizzata parola per parola. Venne revisionata nel 1910 e 2001.
  • La Bibbia di Gerusalemme (Bible de Jérusalem), realizzata tra il 1947-1955, pubblicata 1973, riveduta 1988, è opera dalla École Biblique de Jérusalem.
  • La Bibbia TOB (abbreviazione di Traduction Oecuménique de la Bible, ma anche buono in ebraico), pubblicata 1975-1976, è stata realizzata congiuntamente da esegeti cattolici e protestanti, avallata infine da studiosi ortodossi.

Spagnolo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traduzioni della Bibbia in spagnolo.

Numerose sono le versioni della Bibbia in lingua spagnola. Le principali:

  • La Bibbia Alfonsina è la più antica versione in castigliano (lingua romanza della Castiglia, che sarebbe poi divenuta l'attuale spagnolo), realizzata negli anni 1270-84 sotto l'egida del re di Castiglia Alfonso X (regno 1252-84). Il lavoro è svolto con l'ausilio di diverse traduzioni parziali del XII-XIII sec., a partire dalla Vulgata ma con un occhio particolare ai testi ebraici, cosa facilitata dalla presenza nella penisola iberica di una florida comunità giudaica. (Esistono peraltro anche alcuni manoscritti contenenti traduzioni bibliche in castigliano anteriori alla versione di Alfonso X, in particolare i manoscritti I.i.6 e I.i.8 della biblioteca del monastero dell'Escorial, che contengono una traduzione dalla Vulgata realizzata intorno al 1250. Ancora precedente è la traduzione parziale dal testo ebraico contenuta nella Fazienda de Ultramar, composta intorno al 1200.)
  • Nel primo terzo del XV secolo si realizzarono diverse versioni dal testo originale ebraico, ad opera di ebrei spagnoli e su commissione di nobili spagnoli. Di queste traduzioni, ben presto proibite dalla Chiesa cattolica e quindi decimate da roghi e campagne di distruzione, ci sono giunti una dozzina di manoscritti, consultabili a partire al 2009 in forma digitale all'indirizzo [1].
  • La Bibbia di Ferrara, del 1553 (revisionata 1661), è la prima versione stampata in lingua castigliana. Si tratta di una traduzione a calco dell'Antico Testamento ebraico, curata da due ebrei espulsi dalla penisola iberica, lo spagnolo Jerónimo de Vargas o Yom Tob Atias e il portoghese Duarte Pinel o Abraham Usque.
  • La Bibbia dell'Orso (Biblia del Oso) è la prima versione protestante. Fu curata da Casiodoro de Reina e pubblicata da Juan de Valdes a Basiela nel 1567-9. Fu poi revisionata da Cipriano de Valera nel 1602 (donde l'usuale denominazione Reina-Valera).

Tedesco[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traduzioni della Bibbia in tedesco.
  • Lo scontento mostrato da diverse comunità giudaiche verso versioni in yiddish fu la motivazione principale che mosse la traduzione della Torah di Moses Mendelssohn (Amsterdam 1778). Il testo è scritto in tedesco ‘alto’ (mitteleuropeo, differenziato da quello ‘basso’ della Germania settentrionale), ad uso delle comunità yiddish.
  • La prima stampa del testo completo in tedesco risale al 1450 a cura di John Rellach, a partire dalla Vulgata, pubblicata a Costanza. Tra tale data e il 1522 furono pubblicate 18 traduzioni complete della Bibbia nelle varie parlate tedesche, tutte realizzate a partire dalla Vulgata.
  • La Bibbia di Lutero, nonostante non sia la prima traduzione tedesca, come da molti erroneamente ritenuto, è la versione tedesca per eccellenza, che ha avuto una notevole influenza sulla stessa lingua tedesca. Il riformatore terminò il NT nel 1522 e l'intero testo biblico nel 1534. Prima della sua morte nel 1546 il testo ebbe 10 edizioni, contenenti continue modifiche e perfezionamenti. Il lavoro fu realizzato a partire dai testi originali (NT di Erasmo) ma con l'ausilio della Vulgata, della quale mantenne l'ordine dei libri, ad eccezione del nuovo testamento, e della traduzione interlineare ebraico-latina di Pagninus. In alcuni punti tradusse il testo in linea con le proprie dottrine. In epoca contemporanea è stata revisionata nel 1986.
  • La traduzione di John Dietenberger fu la versione di riferimento dei cattolici tedeschi nell'epoca della Riforma, versione, del 1534.
  • La cattolica Einheitsübersetzung (= unificata), fu realizzata tra il 1962-80.

Inglese[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traduzioni della Bibbia in inglese.

Sono circa 450 le edizioni parziali o complete dei libri biblici anteriori all'invenzione della stampa. Tutte queste traduzioni, così libere da sfociare spesso nella parafrasi, si basavano sul testo latino della Vulgata.

  • John Wyclif (1320-1384) è l'autore della principale delle versioni medievali. Terminò poco prima della sua morte di tradurre l'intera Bibbia in inglese medievale dalla Vulgata.

Tra le moltissime edizioni a stampa in lingua inglese:

  • il francescano di Oxford William Tyndale realizzò la prima traduzione integrale del NT tra 1525-34. Si basa sui testi originali, introvabili a quel tempo in Inghilterra, per cui dovette trasferirsi ad Amburgo.
  • Thomas Matthew, psedudonimo di John Rogers, produsse nel 1537 una traduzione integrale a partire dalla Tyndale.
  • La Grande Bibbia, così detta per via dell'ampio formato, venne realizzata tra il 1535 e 1538. Fu realizzata da Myles Coverdale, sulla base della Vulgata, della Tyndale, Matthew, Erasmo e del confronto con versioni latine e tedesche.
  • La Bibbia di Ginevra (1557-1560), fu prodotta da inglesi protestanti fuoriusciti al tempo del regno della cattolica regina Maria Tudor (1553-58).
  • La Bibbia di Douai o Reims (1582 NT, 1609 intera Bibbia) è tuttora la Bibbia cattolica ufficiale di lingua inglese. Fu realizzata da ecclesiastici inglesi cattolici presso l'università francese di Douai, in seguito traferitisi a Reims, sotto la supervisione di Gregory Martin e William Allen.
  • La Bibbia di Re Giacomo (King James Version, KJV) è la bibbia inglese per eccellenza. Fu commissionata dal re Giacomo I (regno 1603-25), opera di 45 studiosi di Oxford, Cambridge e Westminster. Pubblicata nel 1611, rappresenta la versione ufficiale (o autorizzata) della Chiesa anglicana. Fu realizzata a partire dai testi originali, con uno sguardo alla Tyndale. Al pari della versione di Lutero per il tedesco, ha avuto un impatto notevole sull'intera lingua e letteratura inglese.
  • L'American Standard Version (ASV, Versione Ufficiale Americana), 1901 (1946, 1957), rappresenta uno spartiacque nelle traduzioni bibliche, scostandosi nettamente dallo stile arcaico e ieratico della KJV, ancora molto letteralmente legato ai termini dei testi originali. Al pari della KJV, anche l'ASV ha subito numerose revisioni.
  • La New International Version (1978, 2005) rappresenta l'edizione più venduta nel XX sec.
  • La Bible in Basic English del 1949, col suo vocabolario semplificato, si rivolge all'ampia fetta di mercato rappresentata dagli anglofoni non inglesi.

Altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traduzioni della Bibbia in altre lingue.

Secondo dati del 2004 forniti dall'Alleanza Biblica Universale la Bibbia è stata tradotta per intero o parzialmente in 2.355 lingue. Le lingue principali del mondo sono 3.000, ma se ne contano fino a 6.700. Sempre nel 2004 l'Alleanza Biblica Universale sta coordinando la traduzione in circa 600 lingue.

  • Afrikaans. La Bibbia fu tradotta in Afrikaans, lingua sudafricana derivante dall'olandese con molti prestiti di altre lingue, nel 1933 (rev. 1953) dalla Bybelgenootskap van Suid Afrika, la Società Biblica del Sudafrica.
  • Azero. La prima traduzione in lingua azera di Mirza Farrukh e Feliks Zaręnba è stata il Vangelo di Matteo, pubblicato nel 1842 a Londra dalla Compagnia Missionaria di Basilea. L'intero Nuovo Testamento viene completamente tradotto e pubblicato nel 1878 a Londra ed il Vecchio Testamento nel 1891. Su richiesta dell'Istituto di Stoccolma per la Traduzione della Bibbia, Mirza Khazar traduce la bibbia - il Nuovo Testamento e il Vecchio Testamento - in lingua azera. Mirza Khazar inizia la traduzione dell'intera bibbia nel 1975 ed termina nel 1984. Nel 1982, l'istituto per la Traduzione della Bibbia di Stoccolma, Svezia, rilascia la nuova traduzione di Mirza Khazar in lingua moderna azera del Nuovo Testamento, che è attualmente utilizzata in Azerbaigian.
  • Catalano. Biblia Valenciana prima stampa in catalano, 1478. Edizioni cattoliche 1948, 1968, 1970; protestanti 1988, 2000; ecumeniche 1993.
  • Ceco. La Bibbia di Dresda, prima traduzione manoscritta in ceco, risale al 1360, dalla Vulgata. La prima stampa del NT è del 1487 (Dlabač), dell'intera Bibbia del 1488 (Bibbia di Praga). Entrambe dalla Vulgata. Altre versioni 1489 (Kutná Hora); 1579-93 (Kralice); 1613.
  • Cinese. Traduzioni nel 1822, 1823-24, 1904-19, 1935-68 (curata dal missionario Gabriele Allegra, dai testi originali), 1970, 1974, 1979, 1993, 2001, 2003.
  • Croato. Traduzione manoscritta del gesuita Kasić nel 1622-37, pubblicata 2000. 1831 Petar Katančić; 1968 Bibbia Zagreb, parzialmente basata sulla Bibbia di Gerusalemme.
  • Esperanto. La prima traduzione dell'AT venne realizzata dallo stesso ideatore dell'idioma artificiale, l'ebreo polacco L.L. Zamenhof. Il NT fu pubblicato nel 1910. La Londona Biblio del 1926 (2003) raccoglie l'intero testo biblico.
  • Finlandese. Risale a Mikael Agricola il Se Wsi Testamenti Somexi, NT in finlandese, tradotto dall'originale greco, del 1548. Rappresenta un'opera fondamentale per la letteratura finnica. La stampa dell'intero testo biblico risale al 1642 (Biblia, Se on: Coco Pyhä Ramattu Suomexi, detta Vanha kirkkoraamattu, Bibbia della vecchia Chiesa), revisione 1683-85 (Florinus). Altre versioni 1776 (1859), 1938 molto letterale; 1938 dei Testimoni di Geova; 1992 ecumenica.
  • Greco moderno. 1901 di Alexandros Psallis.
  • Irlandese. Il NT pubblicato nel 1602 è di Nicholas Walsh et al. L'AT fu pubblicato nel 1680.
  • Islandese. Il NT venne pubblicato nel 1540 ad opera di Oddur Gottskálksson, nel 1588 fu pubblicato l'intero testo biblico ad opera di Guðbrandur Þorláksson. L'attuale versione ufficiale è del 1981.
  • Klingon. La traduzione della Bibbia nella lingua artificiale dei ‘cattivi’ di Star Trek è in fase di lavorazione. Finora sono stati tradotti solo brani sparsi da trekkisti, soprattutto statunitensi, con molto tempo libero a disposizione.
  • (Lingua friulana). La traduzione integrale della Bibbia è di Antonio Bellina e Francesco Placereani ed è stata pubblicata tra il 1984 e il 1993.
  • Olandese. La prima versione olandese è la Statenvertaling (traduzione di stato), pubblicata nel 1637, direttamente dai testi originali. Fu soppiantata nel 1951 da una nuova versione curata dalla Società Biblica Olandese. Sono del 2004 la cattolica Willibrordvertaling e l'ecumenica Nieuwe Bijbelvertaling (nuova traduzione della Bibbia). È sempre del 2004 la Naarden, di Albert Koster, traduzione letterale dell'AT.
  • Polacco. Traduzioni parziali dal XIV sec. Prima stampa del NT del 1551-2 a cura di Jan Sieklucki. Prima traduzione completa calvinista voluta dal principe Nicholas Radziwill, pubblicata a Brest nel 1563, dai testi originali e Vulgata. 1572, del sociniano Simon Budny. 1632, Bibbia di Danzica, ufficiale protestante. La Bibbia cattolica ufficiale fu tradotta dalla Vulgata a cura di Leopolita (Giovanni di Lemberg), 1561, 74, 77. La Bibbia Leopolita fu poi soppiantata dal Gesuita Jakub Wujek, 1599, sempre dalla Vulgata.
  • Portoghese. Fondamentale la traduzione del protestante João Ferreira de Almeida (1628-91), dai testi originali e con uno sguardo alla Vulgata, NT 1681, AT incompleto alla morte. Revisione 1959. La tradizionale traduzione cattolica è quella di Pereira de Figueiredo (1784), dalla Vulgata. L'edizione Trinitaria del 1883 è propria degli avventisti. La Brasileira del 1917 è protestante. Altre traduzioni cattoliche: di Matos Soares 1933; di João Maredsous; 1968; 1967 Paoline.
  • Rumeno. Traduzioni parziali a stampa risalgono a 1551 (Vangeli), 1561 (Vangeli), 1570 (Salmi), 1582 (Paolo). La Biblia de la Bucureşti del 1688 è la prima traduzione completa in lingua rumena, realizzata da Radu e Şerban Greceanu e altri. Le attuali traduzioni ufficiali sono l'ortodossa Biblia Sinodală (del Sinodo), e una traduzione protestante a cura di Dumitru Cornilescu, del 1928 (rev. 1989).
  • Russo. Traduzioni parziali nel periodo della Rus' di Kiev. La Bibbia di Gennadio del 1499 è la prima traduzione integrale in antico slavo ecclesiastico. Realizzata dall'Arcivescovo di Novgorod Gennadio, si basa sulle esistenti traduzioni slave e sulla Vulgata latina per i testi mancanti. Fu la fonte principale della "Bibbia di Ostrog". Un'altra versione fu redatta nel 1876. Attualmente la materia è competenza della Società biblica russa.
  • Serbo. La traduzione del NT è del 1830, a cura di Atanasije Stojković. L'AT fu completato nel 1865 da Đuro Daničić. Altre traduzioni: Lujo Bakotić 1933, intera Bibbia; Dimitrije Stefanović 1934, NT; Emilijan Čarnić 1973, NT; 1984 ecumenica; Aleksandar Birviš 1987, vangeli.
  • Sloveno. Il protestante Jurij Dalmatin pubblicò la traduzione dell'intera Bibbia nel 1584.
  • Svedese. Gustav Vasa curò una versione dedicata a Carlo XII; Normalupplagan; Helge Åkessons över-sättning; 1917; David Hedegårds, NT; Bo Giertz, NT; Svenska folkbibeln; Bibel 2000.
  • Swahili. 1868 NT, 1890 intera Bibbia.
  • Ungherese. Gli eretici Hussiti realizzarono una traduzione in ungherese nel 1436-39, della quale rimangono solo frammenti. La prima versione completa del NT è del 1541, a cura di János Sylvester. La Vizsolyi Biblia (1590, rev. 2003) del protestante Gáspár Károlyi è la prima edizione completa del testo biblico, tuttora usata come testo ufficiale dai protestanti magiari. In campo cattolico invece la versione ufficiale è quella di György Káldi (1626, rev. 1835, 1851, 1865, 1934, 1973, 1997).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.sismelfirenze.it/bibbieItaliane/ita/bibbia.htm

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]