Vergogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il romanzo di John Maxwell Coetzee, vedi Vergogna (romanzo).

La vergogna è una emozione che accompagna l’auto-valutazione di un fallimento globale nel rispetto delle regole, scopi o modelli di condotta condivisi con gli altri; da una parte è una emozione negativa che coinvolge l’intero individuo rispetto alla propria inadeguatezza, dall’altra è il rendersi conto di aver fatto qualcosa per cui possiamo essere considerati dagli altri in maniera totalmente opposta rispetto a quello che avremmo desiderato.

A differenza dell’imbarazzo, che si sperimenta esclusivamente in presenza degli altri, ci si può vergognare da soli e per lungo tempo; inoltre, mentre l’imbarazzo sorge per l’infrazione di regole sociali che possono anche non essere condivise, la vergogna è il segnale della rottura di regole di condotta alle quali personalmente si aderisce.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna Maria Pandolfi,La vergogna,Franco Angeli,2002
  • L.Anolli.La vergogna Il Mulino, 2000
  • V. D'Urso.Imbarazzo, vergogna ed altri affanni ,Raffaello Cortina,1990
  • M.A.Fossum.,M.J.Mason, Il sentimento della vergogna ,Astrolabio,1987

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia