Vergeltungswaffen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vergeltungswaffen (arma di rappresaglia in italiano) fu un termine coniato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale per rappresentare alcune Wunderwaffen (armi miracolose) che la Germania stava sviluppando.

Tra le più famose si citano: la bomba volante V1, il razzo V2 e il cannone V3.

Inizialmente queste armi avevano i propri nomi, ma per fini di propaganda, Joseph Goebbels coniò il nome Vergeltungswaffen, "armi di rappresaglia", perché furono gli inglesi per primi a bombardare quartieri popolari di città tedesche, facendo strage di civili inermi.

Le armi[modifica | modifica wikitesto]

V1[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi V1 (Fieseler Fi 103).

La bomba volante V1 fu il primo missile da crociera operativo, utilizzato dalla Germania negli ultimi anni della seconda guerra mondiale. Designata originariamente Fieseler Fi 103, venne ribattezzata V1 a fini di propaganda.

V2[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi V2 (Aggregat 4).

La V2 fu un precursore dei missili balistici; fu utilizzato dalla Germania durante le ultime fasi della seconda guerra mondiale, in particolare contro Gran Bretagna e Belgio.

V3[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi V3 (cannone).

Il V3 Hochdruckpumpe (ovvero "pompa ad alta pressione") fu un prototipo di super-cannone dalla Germania durante le ultime fasi della seconda guerra mondiale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]