Verbena (botanica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Verbena
Verbena officinalis
Verbena officinalis L.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Lamiales
Famiglia Verbenaceae
Genere Verbena
L.
Specie

vedi testo

Verbena L. è un genere di piante erbacee annue o perenni della famiglia delle Verbenaceae.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che il nome di questa pianta derivi dal latino verbenae, che indicava genericamente rametti e sterpi.[senza fonte] Ma anche dal Celtico ferfaen, da fer (scacciare via) e faen (pietra), infatti la pianta era usata per curare problemi dovuti ai calcoli renali.[2] Veniva usata dalle tribù indiane e da maghi e stregoni per incantesimi e sacrifici agli Dei, per questo veniva chiamata anche erba sacra. La verbena era sacra ad Iside e agli antichi romani. La pianta era nota per le sue presunte proprietà magiche e afrodisiache. Una leggenda narra che fu utilizzata sul Monte del Calvario per cicatrizzare le ferite di Gesù Crocefisso ed ancora oggi, nella liturgia della festività dedicata all'Assunzione di Maria, viene utilizzata per benedire le chiese.[senza fonte] La verbena possiede proprietà: antidepressiva, antinevralgica, spasmolitica, febbrifuga, antiinfiammatoria; inoltre ha proprietà emollienti e rinfrescanti.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il fusto è quadrangolare. Le foglie sono per lo più opposte, dentate, alterne e con nervature ben visibili. I fiori hanno un calice a quattro o cinque sepali, parzialmente fusi. La corolla (gamopetala) ha la forma di un tubo allungato con cinque petali non perfettamente uguali. L'androceo è formato da 4 stami inseriti sul tubo corollino. Si presentano dalla primavera all'autunno inoltrato. Il frutto è una capsula con quattro semi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle specie del genere sono spontanee nel Nuovo Mondo, dal Canada al Cile. Poche specie sono spontanee nel Vecchio Mondo, più che altro in Europa.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 124 specie:[1]

Riferimenti nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

La pianta della Verbena è citata in Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Il protagonista Pinkerton, rivolgendosi alla moglie giapponese Cio-Cio-San, alias Madama Butterfly, l'appella con questi versi: Piccina, mogliettina, olezzo di verbena.

La pianta della verbena è considerata velenosa per i vampiri.

In Spagna, la Verbena è anche una festa di carattere popolare, presente in varie città o paesi.

Nella serie televisiva The Vampire Diaries, la verbena è spesso citata in quanto capace di rendere inerti i vampiri.

Il Canto della verbena è l'inno della Mens Sana Basket Siena e viene cantato da tutto il pubblico prima dell'inizio di ogni partita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Genus Verbena in The Plant List. URL consultato il 16 luglio 2013.
  2. ^ http://www.giardinaggio.it/giardino/annuali/annualisingole/verbena/verbena.asp, pianta officinale
  3. ^ http://www.agripharma.it/assets/Uploads/grid/ST/ST_01/Verbena.pdf, proprietà della Verbena

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]